23 Maggio 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Intergruppo parlamentare per l’Alzheimer, Aima: “Necessari investimenti e programmazione”

22-07-2023 14:59 - News
Intergruppo parlamentare per l’Alzheimer, Aima: “Necessari investimenti e programmazione per essere pronti a sfruttare le potenzialità delle innovazioni terapeutiche”.
ROMA – L’intergruppo parlamentare per le neuroscienze e l'Alzheimer segna un punto di svolta per contrastare davvero la malattia di Alzheimer. “Siamo pronti per lavorare insieme e a dare vita a un piano di investimenti concreto ed efficace che ci permetta di cogliere le nuove opportunità offerte dalle innovazioni terapeutiche”, commenta Patrizia Spadin, presidente di Aima - Associazione italiana malattia di Alzheimer, in occasione della conferenza di presentazione dei lavori dell'intergruppo di cui Aima fa parte e che si è svolta a Roma.

“Abbiamo invocato per anni la necessità di un cambio di prospettiva da parte del governo nei confronti dell’Alzheimer e delle demenze- ha dichiarato Patrizia Spadin- L'intergruppo parlamentare lanciato dall’onorevole Annarita Patriarca e dalla senatrice Beatrice Lorenzin rappresenta il primo passo fondamentale in questa direzione. Aima è felice di farne parte ed è pronta a collaborare con le istituzioni per dare voce ai bisogni dei pazienti e delle loro famiglie”.

“L’Alzheimer è una patologia che coinvolge non solo 700.000 persone, ma anche i 3 milioni di cittadini che si prendono cura dei pazienti. Sono numeri terribili, eppure questa malattia negli anni non ha avuto l’attenzione che meritava dalla politica e dalle istituzioni. L’intergruppo è ciò di cui abbiamo bisogno per affrontare un tema così complesso: dovrà essere una cabina di regia che, sotto l’egida del ministero della Salute si assuma la responsabilità della trasformazione e l’ammodernamento del sistema per renderlo adeguato ai malati di oggi e a quelli di domani”, ha aggiunto Spadin.

“È fondamentale sviluppare immediatamente un piano di investimenti strutturali per colmare le lacune organizzative, infrastrutturali, di personale dei Centri per i disturbi cognitivi e le demenze e a cui collegare la pianificazione sanitaria. È necessario fornire un sostegno concreto al caregiver familiare e assicurare la formazione del caregiver professionale. È urgente connettere le nuove strutture disciplinate dal Pnrr con le esigenze specifiche di presa in carico e gestione di Alzheimer e demenze. Per raggiungere questi obiettivi serve innanzitutto un metodo e questo intergruppo, con il lavoro trasversale e la collaborazione con i ministeri competenti, può dare fondamento al raggiungimento di questi risultati”, ha continuato Spadin.

“Viviamo una fase delicata e decisiva nella lotta alla malattia e per la prima volta la ricerca scientifica ci dà la speranza di vedere la luce in fondo al tunnel. Dobbiamo essere pronti a cogliere questa occasione per rendere efficaci le innovazioni terapeutiche e preparare al meglio i pazienti e le rispettive famiglie”, ha concluso Spadin.
News
Anche la Toscana celebra la Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’accessibilità
17-05-2024 11:49 - News
Le Manifestazioni Nazionali UILDM, un tempo di racconto, incontro e proposta per “Guardare oltre”
17-05-2024 11:48 - News
Proposta di riforma dell’amministrazione di sostegno, una sintesi dei contenuti
17-05-2024 11:46 - News
Riforma dell’amministrazione di sostegno, al via la Campagna “Fragile a Chi?!”
17-05-2024 11:40 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie