12 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Situazioni processuali in cui si parte da condizioni economiche ben differenti

22-07-2023 15:00 - News
«Esprimiamo forti perplessità, da un punto di vista etico, che una famiglia di una persona con disabilità, già fortemente provata dalle esigenze di cura e dalle preoccupazioni per il futuro del figlio, debba privarsi e privare il figlio di 300.000 euro di spese processuali»: lo affermano i sottoscrittori del presente contributo (FISH Lazio, FIDA, Forum Terzo Settore Lazio, Istituto Luca Coscioni, Laura Andrao), sulla vicenda di Elena e del figlio Mario, chiedendo poi «alla Politica di disciplinare situazioni processuali dove le parti hanno una condizione economica di partenza molto differente»

Da diversi giorni Elena, madre di Mario, un giovane con gravissima disabilità, ha reso pubblica la sentenza definitiva arrivata dopo ben 27 anni di un procedimento giudiziario intentato contro la struttura sanitaria dove era nato Mario, che la condanna a pagare le spese processuali per una somma di circa 300.000 euro.
La causa riguardava eventuali responsabilità sanitarie durante il parto, che avrebbero provocato danni, generando la condizione di disabilità ad altissima necessità assistenziale di Mario.

Esprimiamo forti perplessità, da un punto di vista etico, che una famiglia di una persona con disabilità, già fortemente provata dalle esigenze di cura e dalle preoccupazioni sul futuro di Mario quando non ci sarà più il suo supporto, debba privarsi e privare Mario di una somma così ingente, che sarebbe fondamentale per le sue necessità e la sua assistenza, oggi e per il suo domani.

Da diversi anni Elena, fondatrice e presidente dell’Associazione Oltre lo Sguardo, ha avviato con risorse proprie un’esperienza di avvicinamento al “Dopo di Noi”, mettendo a disposizione delle soluzioni abitative per diverse persone con gravi disabilità, proprio per garantire un futuro dignitoso a Mario e ad altri ragazzi e ragazze.
Questa sentenza mette certamente a rischio il benessere attuale di Mario, guadagnato con estrema fatica, e il suo futuro, con conseguenti danni sulla qualità della sua vita.
Crediamo sia necessario individuare una soluzione che tenga maggiormente conto delle conseguenze che questa condanna potrà produrre. Invitiamo quindi le controparti a rinunciare alle spese che rendono soccombenti Mario e la sua famiglia.
Chiediamo inoltre alla Politica di disciplinare quanto prima situazioni processuali dove le parti hanno una condizione economica di partenza molto differente, affinché tutti possano veder tutelati in sede giudiziaria i propri diritti, senza dovervi rinunciare.

Il presente testo è sottoscritto da Daniele Stavolo (FISH Lazio-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), Cristiana Mazzoni (FIDA-Forum Italiano Diritti Autismo), Francesca Danese (Forum Terzo Settore Lazio), Maria Antonietta Farina (Istituto Luca Coscioni) e Laura Andrao (avvocata impegnata per i diritti delle persone con disabilità).
News
Corso di Alta Formazione “Trasformare i conflitti, convivere nelle diversità”
06-04-2024 14:34 - News
Per parlare della “vicenda di Imperia” è necessario nominare la segregazione, l’istituzionalizzazione e la violenza sistemica
06-04-2024 14:31 - News
La tripla invisibilità delle donne anziane con disabilità
06-04-2024 14:29 - News
“@scATTIdicura”, una bella campagna per promuovere una nuova idea di caregiving
06-04-2024 14:27 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie