25 Giugno 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Firenze, un nuovo percorso sensoriale al Giardino delle Rose

29-07-2023 15:13 - News
Alcune persone cieche, accompagnate dai rispettivi accompagnatori e accompagnatrici, mentre toccano una delle opere dello scultore belga Jean-Michel Folon ospitata nel Giardino delle Rose di Firenze (fonte: «intoscana»).
Situato a ridosso di Piazzale Michelangelo, a Firenze, il Giardino delle Rose è un parco botanico con più di mille specie e trecentocinquanta tipi di rose antiche, che ospita anche una collezione permanente di opere dello scultore belga Jean-Michel Folon. Proprio nei giorni scorsi nel Giardino è stato inaugurato un nuovo percorso sensoriale appositamente pensato per favorire l’accesso alla cultura alle persone cieche e ipovedenti. Il progetto è stato sviluppato dalla Cooperativa MARE, finanziato dal Comune di Firenze, e realizzato in collaborazione con alcune Associazioni di persone con disabilità del territorio.

Situato a ridosso di Piazzale Michelangelo, a Firenze, il Giardino delle Rose è un parco botanico con più di mille specie e trecentocinquanta tipi di rose antiche, che ospita anche una collezione permanente di opere dello scultore belga Jean-Michel Folon. Proprio nei giorni scorsi nel Giardino è stato inaugurato un nuovo percorso sensoriale appositamente pensato per favorire l’accesso alla cultura alle persone cieche e ipovedenti. Il progetto è stato sviluppato dalla Cooperativa MARE (Musei-Accessibilità-Ricerca-Esperienza), una realtà che si occupa di innovazione sociale in ambito culturale con sede a Catania, e finanziato dal Comune di Firenze (il finanziamento rientra nell’àmbito del progetto “Enjoy Respect & Feel Florence”, uno dei cinque progetti finanziati dal Ministero del Turismo a sostegno delle ‘Grandi destinazioni italiane per un turismo sostenibile – GDITS’). Alla sua realizzazione hanno collaborato anche professionisti del territorio ed Associazioni quali l’UICI di Firenze (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), e Quartotempo Firenze.

Il percorso sensoriale è stato realizzato attraverso la predisposizione di uno specifico podcast volto a descrivere ai visitatori e alle visitatrici le bellezze naturalistiche e scultoree presenti nel Giardino. La loro descrizione avviene attraverso una narrazione in grado di coinvolgere attivamente il visitatore o la visitatrice. Le narrazioni sono state studiate con una modalità inclusiva, tesa ad appagare tutti gli utenti, non solo le persone con disabilità. Per accedere ai podcast basta inquadrare con il proprio smartphone il QR code posto all’ingresso del giardino. I contenuti sono fruibili gratuitamente tramite smartphone e auricolari. I podcast sono caricati su una piattaforma digitale, realizzata appositamente da Cooperativa MARE con specifici accorgimenti di accessibilità, come la presenza degli screen reader (lettori di schermo) per agevolare la fruizione alle persone cieche, di testi ad elevato contrasto per le persone ipovedenti, di filmati sottotitolati per le persone sorde, ed altre soluzioni tecnologiche utili ad agevolare la fruizione dei contenuti multimediali alle persone con disabilità, o semplicemente a coloro che hanno poca dimestichezza con le tecnologie digitali.

Tutto il percorso è stato studiato coinvolgendo di volta in volta diverse professionalità. L’individuazione delle rose da inserire nei cardini dei narrativi del percorso è stata operata dalla Cooperativa MARE assieme agli Angeli del Bello, a cui è affidata la cura del Giardino. L’UICI di Firenze ha contribuito a definire l’itinerario, mentre un gruppo di persone cieche dell’Associazione Quartotempo Firenze ha collaborato a testare e revisionare i contenuti del podcast.

«Puntiamo molto a far scoprire o riscoprire luoghi della nostra città anche da chiavi e punti di vista diversi e, come in questo caso, a rendere sempre più fruibili e accessibili a tutti, residenti e visitatori, dei veri e propri tesori come il Giardino delle Rose», ha dichiarato Alessia Bettini, vicesindaca e assessora alla Cultura e Turismo, in occasione della presentazione pubblica del percorso.

«Ogni progetto che realizziamo è pensato per abbracciare un’ampia platea di fruitori, che non comprende solo persone con disabilità – ha argomentato Francesca Merz, presidente di Cooperativa MARE –. Vogliamo infatti abbandonare una concezione di accessibilità che separa le diverse tipologie di visitatori, progettando percorsi che permettano a persone con diversi bisogni e competenze di poter visitare insieme spazi e luoghi culturali. Il percorso realizzato al Giardino delle Rose va proprio in questa direzione e si inserisce all’interno di una serie di iniziative che ci hanno portato a collaborare con diverse realtà come il museo Casa Carducci di Castagneto Carducci [se ne legga anche sulle nostre pagine a questo link, N.d.R.], o il Comune di Altopascio con il quale abbiamo allestito, proprio in questi giorni, una mostra su Banksy accessibile anche a persone cieche». (Simona Lancioni)
News
L’amministrazione di sostegno, dai numeri alle persone
08-06-2024 14:33 - News
Cassazione: il diritto del beneficiario di amministrazione di sostegno a partecipare alle decisioni che lo riguardano è incomprimibile
08-06-2024 14:32 - News
Amministrazione di sostegno: perché avete portato via la mamma di Giovanna?
08-06-2024 14:31 - News
Un manifesto condiviso per lo sviluppo del welfare culturale
08-06-2024 14:28 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie