25 Giugno 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

“Che brava che sei!” Ovvero combattere l’abilismo con un fumetto

29-07-2023 15:16 - News
La copertina di “Che brava che sei! 8 storie di abilismo quotidiano” è illustrata con alcuni disegni di Claudia Flandoli. Sono ritratte le autrici dell’opera, Maria Chiara e Elena Paolini, entrambe in sedia a rotelle, sia da sole che in compagnia di un gruppo di amici con disabilità; una coppia composta da una persona con disabilità e una senza mentre si baciano; Maria Chiara Paolini mentre discute al telefono davanti ad un computer.
Già autrici di un saggio sull’abilismo, Maria Chiara e Elena Paolini (alias Witty Wheels), due attiviste con disabilità, tornano sul tema con “Che brava che sei! 8 storie di abilismo quotidiano” (Laterza, 2023). Ma questa volta le storie di discriminazione a cui sono esposte le persone con disabilità sono trasformate in un fumetto grazie alle efficaci e gradevoli illustrazioni di Claudia Flandoli. A prima vista sembra di avere tra le mani un libro per bambinз*, ma i contenuti sono quelli di chi tratta il contrasto all’abilismo come una questione politica e di giustizia sociale.

Witty Wheels (Ruote spiritose) è lo pseudonimo scelto da Maria Chiara e Elena Paolini, due attiviste con disabilità, per firmare alcune delle loro opere, nonché il nome del loro sito-blog. Le due sorelle, già autrici del saggio Mezze Persone. Riconoscere e comprendere l’abilismo, (Aut Aut Edizioni, 2022, se ne legga una nostra presentazione), tornano a occuparsi di abilismo con Che brava che sei! 8 storie di abilismo quotidiano (Laterza, 2023). Ma questa volta le storie di discriminazione a cui sono esposte le persone con disabilità sono trasformate in un fumetto grazie alle efficaci e gradevoli illustrazioni di Claudia Flandoli. A prima vista sembra di avere tra le mani un libro per bambinз, ma i contenuti sono quelli di chi tratta il contrasto all’abilismo come una questione politica e di giustizia sociale. Il risultato è un’opera che, per l’impegno civile, ricorda in qualche modo quelle di Zerocalcare (pseudonimo di Michele Rech).

Non c’è àmbito della vita delle persone con disabilità che sfugga all’oppressione abilista, ed infatti le diverse storie spaziano tra i più diversi contesti. Stereotipi e pregiudizi abilisti si riscontrano nelle relazioni amorose e amicali, e le stesse persone con disabilità potrebbero averli assimilati senza nemmeno accorgersene (si parla in tal caso di “abilismo interiorizzato”). Sia che si tratti di scuola (di ogni ordine e grado), di lavoro, di organizzarsi per il fine settimana, di prendere un treno, o altre attività della vita di ciascuno/a, alle persone con disabilità è richiesta una certa quantità di “lavoro nascosto”, una fatica addizionale di cui si rende conto solo chi la sperimenta, e che si concretizza nel dover sempre informarsi sull’accessibilità dei luoghi prima di mettere il naso fuori da casa, nel dover svolgere eccessive pratiche burocratiche per accedere a servizi vitali come l’assistenza personale, o nel soggiacere a regole diverse da quelle previste per le altre persone (come dover prenotare un viaggio in treno 24 ore prima). Altri temi toccati nel volume sono le narrazioni stereotipate delle persone con disabilità nelle opere cinematografiche, la relazione con l’assistente personale, l’insufficienza delle risorse pubbliche per l’assistenza autogestita, un approccio politico alla disabilità che sembra ancora privilegiare soluzioni istituzionalizzanti e segreganti, e tanti altri ancora. Alcuni di essi sono maggiormente sviluppati, altri solo accennati ma in modo sufficiente a mettere in luce sia la dimensione individuale che quella strutturale dell’oppressione subita dalle persone con disabilità.

Che brava che sei! è un’opera che affronta il tema dell’abilismo in modo intelligente e ironico. Ma a ben guardare il filo rosso che tiene insieme il volume non è solo quello dell’abilismo. A volerla scorgere, un’altra coordinata è costituita dalla sorellanza, sia nel senso che in qualche modo celebra il rapporto tra due sorelle che, avendo pochi anni di differenza, sono cresciute insieme, supportandosi a vicenda e offrendo l’una all’altra “uno specchio” non deformante in cui potersi guardare; ma anche nel senso che combattere i sistemi oppressivi – non solo l’abilismo – induce a solidarizzare con la comunità oppressa e a travalicare i confini individuali e familiari. Poiché il tema della giustizia sociale ci chiama in causa in quanto componenti della comunità umana, allora riconoscere e combattere l’oppressione non è una questione che compete solo chi ne è direttamente colpito, la sua famiglia, la sua comunità, ma ci riguarda tuttз. (Simona Lancioni)



* In questo testo si fa uso dello schwa (ə) per il singolare e dello schwa lungo (з) per il plurale in luogo delle desinenze femminili e maschili comunemente utilizzate quando ci si riferisce alle persone. Si tratta di un tentativo sperimentale finalizzato a promuovere l’impiego di un linguaggio inclusivo dei generi femminile, maschile e non binario (per approfondire si veda: Un linguaggio accessibile e inclusivo delle differenze tra i generi).



Estremi dell’opera:

Maria Chiara e Elena Paolini (alias Witty Wheels), Che brava che sei! 8 storie di abilismo quotidiano, con i disegni di Claudia Flandoli, collana: i Robinson/Letture, Laterza, 2023, 180 pagine, 16 euro.

Vedi anche:

Persone “dimezzate” dall’abilismo, «Informare un’h», 12 settembre 2022.

Maria Chiara ed Elena, uno sguardo su un mondo inaccessibile e abilista, «Informare un’h», 29 luglio 2019.

Sezione del centro Informare un’h dedicata al tema: “Il contrasto all’abilismo e all’omolesbobitransfobia”.
News
L’amministrazione di sostegno, dai numeri alle persone
08-06-2024 14:33 - News
Cassazione: il diritto del beneficiario di amministrazione di sostegno a partecipare alle decisioni che lo riguardano è incomprimibile
08-06-2024 14:32 - News
Amministrazione di sostegno: perché avete portato via la mamma di Giovanna?
08-06-2024 14:31 - News
Un manifesto condiviso per lo sviluppo del welfare culturale
08-06-2024 14:28 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie