05 Marzo 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

EDF, inaccettabili le dichiarazioni sulla sterilizzazione forzata delle donne con disabilità in Francia

12-06-2023 15:03 - News
Una donna giovane ritratta seduta e di lato dentro una stanza con una parete di legno. La donna guarda fuori da una finestra e poggia i gomiti sul davanzale mentre tiene le mani nei capelli lunghi e castani (foto di Dương Nhân su Pexels).
Sono davvero scioccanti le dichiarazioni rilasciate, in Francia, da due componenti dei Comitati di esperti preposti a valutare le decisioni di praticare la sterilizzazione delle donne con disabilità senza il loro consenso. Sulla vicenda si è espresso anche il Forum Europeo sulla Disabilità, segnalando come esse mostrino una persistente convinzione paternalistica, infantilizzante e patriarcale che mina il diritto delle donne con disabilità all’autonomia corporea, e richiamando le Istituzioni francesi a seguire il paradigma dei diritti umani della disabilità incarnato dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, che la Francia ha ratificato.

Il Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) esprime la sua costernazione per i commenti della dottoressa Ghada Hatem e dottoressa Catherine Rey-Quinio in merito alla sterilizzazione delle donne con disabilità senza il loro consenso sul servizio “Il dilemma del consenso: perché la Francia sta lottando per porre fine alla sterilizzazione forzata delle donne con disabilità”, recentemente pubblicato sulla testata di notizie internazionali «Euronews»*.

«Denunciamo con forza le loro supposizioni paternalistiche e infantilizzanti secondo cui le donne con disabilità intellettive non sono idonee ad avere figli – si legge in una nota diramata dal Forum –. Devono essere previsti supporti per garantire che tutte le donne con disabilità possano godere della propria autonomia corporea ed avere figli se lo desiderano».

«In qualità di componenti dei Comitati di esperti che valutano questa decisione – argomenta ancora il Forum –, entrambe le esperte devono garantire che tutte le donne, comprese le donne con disabilità, godano del loro pieno diritto all’autonomia corporea. I Comitati devono seguire il paradigma dei diritti umani della disabilità incarnato dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, che la Francia ha ratificato. Questo paradigma include il rispetto per la dignità intrinseca e l’autonomia individuale delle persone con disabilità, inclusa la libertà di fare le proprie scelte. Chiediamo al Governo di garantire che gli esperti dei Comitati che decidono sulla sterilizzazione e tutti gli attori coinvolti siano consapevoli degli obblighi della Francia ai sensi di questa Convenzione».

La presidente del Comitato delle donne dell’EDF, Pirkko Mahlamäki, ha dichiarato: «I commenti delle componenti dei Comitati [interpellate] nel servizio mostrano la persistente convinzione paternalistica, infantilizzante e patriarcale che mina il diritto delle donne con disabilità all’autonomia corporea. Questi commenti sono contrari ai diritti di cui tutte le donne devono godere. Né gli Stati né i medici devono prevalere sulle donne quando si tratta del loro diritto all’autonomia e all’integrità del corpo: questa è, come sappiamo, una richiesta essenziale del movimento per i diritti delle donne, sia che si tratti di mutilazione genitale, di praticare un aborto oppure no, o di sterilizzazione forzata. Esortiamo lo Stato francese e i membri del Comitato di esperti a seguire un modello di diritti umani e garantire che ogni donna abbia il diritto di prendere le proprie decisioni riguardo al proprio corpo».

In conclusione è opportuno ricordare che, come denunciato sempre dall’EDF nel Rapporto di ricerca Sterilizzazione forzata delle persone con disabilità nell’Unione Europea, pubblicato lo scorso settembre, sono ben quattordici i Paesi membri dell’Unione nei quali la sterilizzazione forzata delle persone con disabilità è ancora consentita per legge: Austria, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Malta, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria. Tre di questi – il Portogallo, la Repubblica Ceca e l’Ungheria – ammettono questa pratica anche sui minori, mentre in altri Stati, pur non indicati pocanzi (Belgio e Francia), insieme all’Ungheria, è prassi inserirla come requisito per l’ammissione alle strutture residenziali (se ne legga a questo link). (Simona Lancioni)

* In particolare, interpellata sul tema delle sterilizzazioni delle donne con disabilità effettuate in Francia, Ghada Hatem, ginecologa della Maison des Femmes de Saint Denis a Parigi, che lavora per il Comitato di esperti che valutano ogni richiesta di sterilizzazione, ha dichiarato: «Dobbiamo essere realistici. Quando la disabilità mentale è grave, le donne non capiscono quello che diciamo, non parlano, a volte si muovono anche pochissimo, quindi sappiamo benissimo che non possono avere voce in capitolo». Per questo «chiediamo ai genitori o ai tutori [di praticarla] quando ci sembra ragionevole», ammette. Sebbene il parere della commissione – composta da ginecologi, psichiatri e organizzazioni – non sia vincolante, Hatem afferma che il giudice non va quasi mai contro il loro consiglio. Prima della sterilizzazione, gli esperti devono assicurarsi che possa essere adottato qualsiasi altro metodo contraccettivo. Tuttavia, la ginecologa confuta questo argomento. «Che senso avrebbe fare qualcosa che non è irreversibile? Se sapessimo che in cinque anni la sua disabilità sarebbe guarita e lei sarebbe stata in grado di prendersi cura di suo figlio in modo autonomo. Ma questo non è vero, allora che senso ha scegliere qualcosa che deve essere rinnovato periodicamente?», sostiene. «Non possiamo sognare», concorda Catherine Rey-Quinio, consulente medica dell’Agenzia Sanitaria Regionale dell’Ile-de-France. La decisione medica in questi casi si basa su «quello che consideriamo il beneficio-rischio dell’intervento per il paziente».
News
Toscana, presentata una Proposta di Legge per il riconoscimento del caregiver familiare
23-02-2024 16:08 - News
Le osservazioni rivolte all’Italia dal Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione contro le donne
23-02-2024 16:04 - News
Le Osservazioni del Comitato CEDAW e le donne con disabilità
23-02-2024 16:03 - News
Non Una Di Meno e accessibilità delle manifestazioni, arriva la risposta collettiva
23-02-2024 16:01 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie