15 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Catania, “Venti a favore delle donne” che subiscono violenza

16-10-2023 14:59 - News
Una realizzazione grafica ideata per promuovere il progetto “Venti a favore delle donne” è il illustrata con il disegno di due nastri colorati che sembrano comporre una farfalla.
Un nuovo sportello e un tavolo tecnico a sostegno di donne con disabilità che subiscono violenza, ci sono anche queste tra le attività previste da “Venti a favore delle donne: percorsi di libertà per donne che subiscono violenza”, un progetto ideato e coordinato dall’Associazione Thamaia – Centro antiviolenza di Catania, grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud, ed al supporto di sedici tra partner istituzionali e della società civile.


“Venti a favore delle donne: percorsi di libertà per donne che subiscono violenza”, si chiama così un progetto ideato e coordinato dall’Associazione Thamaia – Centro antiviolenza di Catania, grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud, ed al supporto di sedici tra partner istituzionali e della società civile.

Il progetto, presentato pubblicamente lo scorso giugno, ha una durata di 36 mesi, e si propone di «contrastare la violenza maschile sulle donne con un approccio sistemico, intervenendo con azioni mirate su più fronti – ha spiegato Anna Agosta, presidente dell’Associazione Thamaia, in occasione della presentazione –. Dal potenziamento del Centro Antiviolenza alla riattivazione di Sportelli d’ascolto territoriali, dalla formazione per operatrici e operatori all’implementazione della Rete antiviolenza, e poi prevenzione nelle scuole e sensibilizzazione per superare gli stereotipi e linguaggi sessisti ancora presenti nei media. Le attività saranno realizzate a Catania, Adrano, Misterbianco, Motta Sant’Anastasia, Paternò, e prevedono anche l’accoglienza per donne migranti, donne con disabilità e donne in gravidanza che hanno subito o subiscono violenza».

Il progetto ha preso il via ad aprile 2023 e dovrebbe concludersi a marzo 2026.

In particolare, per quel che riguarda le donne con disabilità, tra i partner della società civile figura anche l’UICI di Catania (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), in collaborazione con la quale è previsto che verranno realizzati un nuovo sportello e un tavolo tecnico a sostegno di donne con disabilità che subiscono violenza. Le donne con disabilità, va ricordato, sono esposte a discriminazione multipla, un tipo di discriminazione che scaturisce dalla simultanea presenza nella stessa persona di più fattori di rischio (nel caso specifico, l’essere donne e contemporaneamente persone con disabilità). Una caratteristica che fa sì che queste donne siano anche maggiormente esposte alla violenza. Situazioni ben note sia all’Associazione Thamaia che all’UICI di Catania giacché negli anni scorsi entrambe hanno aderito al “Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea”.

Va infine segnalato che alcuni obiettivi del progetto sono già stati raggiunti. Infatti a partire dal 2 ottobre 2023 c’è stato un prolungamento dell’orario di apertura del Centro antiviolenza da 16 a 25 ore settimanali. Questo vuol dire che un numero maggiore di donne che subiscono violenza avrà la possibilità di accedere al Centro Thamaia di Catania e ai due nuovi sportelli attivati nei Comuni di Adrano e Paternò. (Simona Lancioni)
News
A Peccioli un convegno sui PDTA nelle malattie neuromuscolari in Toscana
14-04-2024 14:57 - News
Giornata per le Malattie Neuromuscolari: verrà celebrata il 13 aprile con eventi in 19 città italiane
14-04-2024 14:49 - News
Vita Indipendente: incontro tra la Regione Toscana e le persone con disabilità
14-04-2024 14:45 - News
InformAbility per le mamme con disabilità
14-04-2024 14:44 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie