03 Marzo 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Tanti artisti e chef per dare “Uno schiaffo alla SLA” e sostenere il Centro NeMO di Milano

06-02-2024 14:25 - News
Un momento dell’esibizione del comico Enrico Bertolino a “Uno SLAvadent alla SLA” (Uno schiaffo alla SLA), l’evento solidale per sostenere la ricerca sulla SLA del Centro Clinico NeMO di Milano.
Enrico Bertolino, Ale e Franz, Raul Cremona, i JaGa Pirates, 10 chef ed altri artisti si sono uniti per dare “Uno schiaffo alla SLA” in un evento benefico che ha coinvolto oltre 400 persone tra pazienti, autorità e volontari per sostenere la ricerca sulla sclerosi laterale amiotrofica. Per una volta l’Ospedale Niguarda di Milano è stato trasformato in un teatro solidale.

Nella serata dello scorso 28 gennaio, nella suggestiva Galleria del Blocco SUD dell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, a Milano, si è tenuto lo spettacolo solidale “Uno SLAvadent alla SLA”, a sostegno di NeMO di Milano (Neuromuscular Omnicentre), il Centro Clinico specializzato nella sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e nelle malattie neuromuscolari, che proprio ieri ha festeggiato il suo sedicesimo anno di attività. L’evento, a cui hanno partecipato oltre 400 ospiti, ha messo insieme il talento della comicità milanese e l’eccellenza della cucina italiana per dare “Uno schiaffo alla SLA”, per dirla nel modo schietto e ironico proprio del dialetto lombardo.

Enrico Bertolino, noto comico, nonché ideatore e direttore artistico dell’evento, ha osservato che «difendere i diritti è responsabilità di tutti, non solo degli altri. Lo “slavadent” era quello che mio padre prometteva se non mi comportavo bene, e per la stessa ragione abbiamo pensato di dare “uno schiaffo alla SLA”, con una serata che ha voluto essere un misto di solidarietà, risate e amicizia».

Su palco allestito negli spazi dell’accettazione dell’Ospedale Niguarda Bertolino si è esibito insieme ad altri amici del teatro milanese, tra cui Ale e Franz, Raul Cremona e i JaGa Pirates, che hanno regalato al pubblico momenti di comicità, ironia e performance indimenticabili. Le musiche di Tiziano Cannas Aghedu e Raffaele Kohler e le grafiche di Enrico Bettella hanno contribuito a rendere la serata unica e piena di divertimento.

L’idea di realizzare lo spettacolo è nata lo scorso settembre, quando Bertolino ha conosciuto il Centro NeMO insieme agli Inter-Nati, il gruppo di amici e tifosi dell’Inter. Tra loro c’è Luca Leoni, uno degli Inter-Nati più appassionati, che affronta la sua battaglia più grande contro la SLA presso il NeMO. Da qui la sfida di portare il sorriso a chi ogni giorno vive le corsie dell’ospedale, da paziente o da operatore, coinvolgendo la città in un impegno concreto.

E la risposta della città di Milano è stata immediata e calorosa, con la partecipazione di pazienti, clinici, operatori, donatori e oltre 50 volontari. Tutti insieme per contribuire all’obiettivo della serata: sostenere la ricerca sulla SLA del Centro Clinico NeMO di Milano, che attualmente conta 14 studi clinici sulla malattia e si prende cura di 1.500 pazienti, di cui 600 con SLA.

Questo il commento di Alberto Fontana, presidente del network dei Centri Clinici NeMO: «Il nostro viaggio iniziato a Milano sedici anni fa ci ha portati in tutta Italia, ma la presenza così accorata all’invito dell’amico Enrico Bertolino ci conferma, ancora una volta, che le grandi mete si raggiungono solo insieme. Continueremo nel nostro impegno nella ricerca sulla SLA, investendo risorse ed energia per dare risposte di cura e scoprire tutto ciò che ancora non conosciamo sulla patologia».

L’evento ha ricevuto il patrocinio istituzionale dell’AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), che rappresenta le 6.000 persone e famiglie che convivono con la SLA in Italia. E grazie alla preziosa collaborazione dell’Associazione SLAFOOD, gli ospiti sono stati accolti dall’aperitivo realizzato da 10 grandi chef, che hanno risposto a titolo volontario alla chiamata del loro presidente, Davide Rafanelli, paziente del Centro NeMO, anch’egli interessato dalla SLA. La squadra di professionisti ha messo a disposizione gratuitamente la loro arte e le materie prime per la realizzazione dei finger food, offrendo un’esperienza culinaria di altissimo livello, con la trasformazione della galleria dell’ospedale in un vero e proprio foyer del gusto. Tra i protagonisti di questa magia: Cristian Benvenuto – Executive Chef La Filanda; Roberto Carcangiu – Chef e Presidente APCI Italia; Fabrizio Ferrari – Chef Consultant 1 stella Michelin; Alberto Laterza – APCI Chef Lab; Marco Pedron – Pastry Chef; Francesco Pucci – Chef e Presidente di APCI Calabria; Elio Sironi – Executive Chef Ceresio7; Antonio Sorrentino – Executive Chef Gruppo Sebeto; Roberto Valbuzzi – Executive Chef Crotto Valtellina; Fabio Zanetello – Brand Ambassador l’Alberghiera.

«La serata è stata espressione del valore che l’Ospedale Niguarda rappresenta per la città, luogo di cura, ricerca e cultura per la salute. Ed in questo percorso il Centro NeMO unisce competenza ed innovazione, ponendo al centro il valore della persona. Per questo abbiamo condiviso questo progetto solidale, grati a tutti coloro che hanno portato la loro arte in questi spazi di cura, cogliendone tutto il messaggio di Vita», è invece la riflessione di Mario Melazzini, direttore sanitario ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda.

Da canto suo, anche Fulvia Massimelli, presidente dell’AISLA, ha voluto esprimere la sua gratitudine: «Siamo grati a tutti gli ospiti, gli artisti, le autorità e i volontari che hanno reso possibile questo evento unico. Il nostro esserci, come comunità dei pazienti, è prima di tutto impegno per continuare a sensibilizzare l’opinione pubblica sui nostri diritti e sostenere la ricerca sulla SLA».

L’evento è stato reso possibile anche grazie al sostegno e alla collaborazione di Jesurum Leoni Comunicazione, L’Alberghiera Medagliani, Eurocoltellerie, Gierrelift, Overline e Vivi il Dolce. Mentre i servizi tecnici sono stati forniti da La Casa dei Sapori, MG SERVICE, Progeni SPA e Coop Service.

Una grande serata benefica, dunque, che ha preso vita sotto la volta vetrata della Galleria Sud dell’Ospedale Niguarda, trasformando le strutture di cura quotidiana in un teatro solidale e invitando tutti ad alzare lo sguardo per sentirsi parte dello stesso cielo.



Per informazioni: Ufficio comunicazione dei Centri Clinici NeMO Stefania Pozzi ufficio.stampa@centrocliniconemo.it



Vedi anche:

Centro Clinico NeMO – Neuromuscular Omnicentre.

Centro Clinico NeMO di Milano.
News
Toscana, presentata una Proposta di Legge per il riconoscimento del caregiver familiare
23-02-2024 16:08 - News
Le osservazioni rivolte all’Italia dal Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione contro le donne
23-02-2024 16:04 - News
Le Osservazioni del Comitato CEDAW e le donne con disabilità
23-02-2024 16:03 - News
Non Una Di Meno e accessibilità delle manifestazioni, arriva la risposta collettiva
23-02-2024 16:01 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie