19 Luglio 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

No, De Gregorio, non è il contesto che è morto, è il suo abilismo che è vivo e vegeto

25-08-2023 15:01 - News
Alcuni dadi bianchi con le lettere nere compongono la scritta inglese “ableism” (abilismo).
A seguito delle proteste ricevute per la pubblicazione, sul quotidiano «la Repubblica», di un articolo dai contenuti fortemente abilisti, la giornalista Concita De Gregorio si è scusata pubblicamente, salvo poi argomentare sull’incapacità delle persone di leggere il contesto e sulla deriva del politicamente corretto, senza tuttavia mai interrogarsi sull’abilismo che trasuda dalle sue parole ogni volta che, maldestramente, prova a trattare di disabilità.

Giusto ieri abbiamo commentato un articolo della giornalista Concita De Gregorio che utilizzava termini afferenti all’area semantica della disabilità intellettiva per insultare gli autori di un atto vandalico (l’articolo: Concita De Gregorio, Il valore di un selfie, rubrica «Invece Concita», «la Repubblica», 4 marzo 2023; il nostro commento: Simona Lancioni, Da Concita De Gregorio, su «la Repubblica», un formidabile esempio di abilismo, «Informare un’h», 4 agosto 2024).

Avremmo potuto derubricare l’episodio ad un semplice errore formale se De Gregorio si fosse limitata ad apostrofare in malo modo i vandali in quesitone. Invece di chiamarli criminali, quali sono, avrebbe potuto chiamarli stronzi, che non è elegante, ma è insultante, ed insultare i vandali era infatti la finalità di tutto il primo paragrafo del suo articolo (e qui ci sarebbe qualcosa da dire sulla scelta di confrontatasi insultando, ma non è questo il tema di questa riflessione); avrebbe potuto anche sfuggirle un cretini, che non va bene, perché richiama una condizione di disabilità che è ancora soggetta allo stigma sociale, ma poiché tutti commettiamo errori, pur non gradendo la cosa, difficilmente le persone con disabilità e i loro familiari si sarebbero scomodati a protestare (mica si può stare dietro a tutto il pressapochismo dei media). Ma De Gregorio nel suo testo non ha fatto solo questo. De Gregorio si è applicata per scegliere ben cinque espressioni diverse dell’area della disabilità intellettiva e le ha usate come insulto, ha evocato le scuole differenziali come se fosse auspicabile che chi ha una disabilità debba vivere segregato, ha strumentalmente usato la presenza dell’insegnante di sostegno quale indicatore che sancisce l’inferiorità delle persone che di quel sostegno si avvalgono, ed ha assemblato il tutto con espressioni paternalistiche e pietistiche. Dunque non si tratta di una semplice questione formale – un’unica parola infelice sarebbe stata una semplice questione formale –, qui abbiamo una costruzione logica e sintattica ben articolata e studiata per affermare che le persone con disabilità intellettiva valgono meno, ed è questo che ferisce, è questo che insulta. Ferisce e insulta perché con questo stigma le persone con disabilità – e soprattutto quelle con disabilità intellettiva – ci combattono ogni giorno.

Questa premessa è doverosa perché, prendendo atto delle tante proteste ricevute dai familiari di persone con disabilità intellettiva e Associazioni, De Gregorio ha ritenuto di rispondere con un testo intitolato La morte del contesto (rubrica «Invece Concita», «la Repubblica», 4 marzo 2023). Nel testo la giornalista si scusa, se alcune persone si sono sentite offese «hanno ragione – scrive –. Cerebrolesi non è un insulto ma una condizione, mi hanno scritto. Completamente d’accordo. Chiedo sommessamente scusa. Avrei dovuto fare appello a un altro vocabolario perché di sicuro c’è una parola che ben definisce chi per fotografarsi davanti a un capolavoro (statue, quadri, bellezze naturali) provoca danni irreversibili. Ma non è una di quelle che ho usato. Chiedo dunque scusa, sinceramente, e convengo: i cerebrolesi sono persone meravigliose afflitte da un danno» (grassetti nostri nella citazione).

Ma si tratta di scuse solo formali, infatti, pur volendo sorvolare su alcune espressioni usate nel testo (quali “gruppo di idioti”, “persone con handicap”, “i cerebrolesi”, “persone afflitte”) che confermano la totale incompetenza della giornalista in materia di disabilità, tutto il resto dell’articolo è passato a parlare di “morte del contesto” e “linguaggio politicamente corretto”. Insomma, per De Gregorio, si è sentito/a offeso/a chi non ha saputo leggere il contesto, chi argomenta sulla scorrettezza formale senza cogliere i contenuti. Dunque cita alcuni esempi paradossali di applicazione del politicamente corretto.

Ovviamente prendiamo atto delle scuse formali, ma anche del fatto che le argomentazioni avanzate dalle persone con disabilità e dalle loro Associazioni rappresentative non hanno minimamente indotto De Gregorio ad interrogarsi sull’abilismo che trasuda dalle sue parole ogni volta che, maldestramente, prova a trattare di disabilità. Dunque no, De Gregorio, il problema non è né la morte del contesto e neppure il politicamente corretto, come lei vorrebbe farci credere, il problema è quella costruzione logica e sintattica ben articolata e studiata per affermare che le persone con disabilità intellettiva valgono meno. Il problema il è il suo abilismo, che è vivo e vegeto. Quell’abilismo che lei non riesce a cogliere nemmeno quando qualcuno/a – senza rispondere ai suoi insulti con altri insulti – glielo fa notare.

Simona Lancioni
Responsabile di Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa)
News
E se provassimo a creare anche in Italia un movimento antiabilista?
13-07-2024 14:14 - News
Amministrazione di sostegno, gli esiti della sesta udienza del processo al professor Monello
13-07-2024 14:12 - News
Una cultura del lavoro ancora ostile alle persone con disabilità
13-07-2024 14:10 - News
Toscana: interpreti della lingua dei segni nei presìdi sanitari di Empoli, Firenze, Prato e Pistoia
12-07-2024 15:03 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie