12 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Livorno, un nuovo sportello per l’accessibilità dei musei civici alle persone con disabilità

18-02-2024 14:27 - News
Un momento della conferenza stampa di presentazione del nuovo sportello per l’accessibilità dei musei civici del Comune di Livorno alle persone con disabilità.
È nato a Livorno un nuovo sportello che consentirà alle persone con disabilità di attivare i servizi per accedere ai musei civici del Comune toscano: il Museo civico Giovanni Fattori, gli ex granai di Villa Mimbelli ed il Museo della Città. In specifico, dietro richiesta è possibile usufruire di sistemi audio per persone con disabilità visiva, di percorsi in lingua dei segni italiana (LIS) o in lingue straniere, nonché di supporti/ausili per il superamento di barriere legate a specifiche disabilità permanenti o temporanee.

Si è tenuta ieri, 13 febbraio, a Livorno, la conferenza stampa per la presentazione del nuovo sportello che consentirà alle persone con disabilità di attivare i servizi per accedere ai musei civici del Comune toscano: il Museo civico Giovanni Fattori, gli ex granai di Villa Mimbelli (che costituiscono una pertinenza della Villa in cui è ospitato il Museo Fattori, e vengono utilizzati per esposizioni temporanee), ed il Museo della Città. In specifico, dietro richiesta è possibile usufruire di sistemi audio per persone con disabilità visiva, di percorsi in lingua dei segni italiana (LIS) o in lingue straniere, nonché di supporti/ausili per il superamento di barriere legate a specifiche disabilità permanenti o temporanee.

L’attivazione del nuovo sportello coinvolge l’Amministrazione comunale (ed in particolare gli assessorati della Cultura e del Sociale) e la Cooperativa Itinera, ma può contare anche sulla collaborazione della Cooperativa Agave e di Coopculture, della Consulta delle Associazioni, del Tavolo delle Associazioni della Disabilità e di quello dei Migranti e immigrazione del Comune, dell’Associazione Comunico. Tuttavia l’iniziativa è aperta al contributo di ulteriori Associazioni che volessero fornire il loro supporto.

Lo sportello sarà raggiungibile in presenza e telefonicamente tutti i giorni dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 al seguente numero: 380-2482320, oppure per via telematica attraverso la e-mail culturaccessibile@comune.livorno.it. Il servizio prevede la presenza di un addetto o un’addetta disponibile a dare informazioni e/o suggerimenti che consentano una fruizione più ampia del museo. Il sabato, dalle 16.00 alle 19.00, sarà presente un operatore dedicato al Museo Fattori e al Museo della Città.

«Il nuovo servizio riguarda i musei civici e, per esteso, tutta l’offerta culturale della città», si legge nel sito della Città di Livorno, infatti esso è collegato e si sviluppa all’interno di un ben più ampio progetto realizzato grazie al Bando Barriere finanziato dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e ottenuto dal Comune di Livorno (“PNRR – M1C3-3 INTERVENTO 1.2 – Rimozione delle barriere fisiche e cognitive nei musei e luoghi della cultura pubblici e non appartenenti al Ministero della Cultura”). Tale progetto prevede di intervenire sulle “barriere”, intese in senso lato, fino a comprendere elementi della più svariata natura che possono essere causa di limitazioni percettive, oltre che fisiche, o particolari conformazioni degli oggetti e dei luoghi che possono risultare creare disorientamento, affaticamento, disagio, pericolo. Ciò al fine di aumentare e potenziare la conoscenza e la fruibilità del patrimonio artistico cittadino da parte di varie fasce di pubblico, con particolare riferimento ai giovani e alle fasce esposte a marginalità sociale.

«L’accessibilità sensoriale e cognitiva in rapporto all’obiettivo della fruizione ampliata diventa così un tema strategicamente rilevante della mission del museo, come di un archivio, biblioteca, in parallelo con un positivo ed elevato impatto sulla promozione dello sviluppo culturale, scientifico, ambientale, educativo, economico e sociale», si legge ancora nel sito istituzionale.

In merito al funzionamento del servizio è specificato che «l’operatore/operatrice elaborerà strategie per coinvolgere tutte le realtà attive nella città, per invitarle in visita ai luoghi della cultura cittadini, programmando visite guidate che possano avvalersi di personale specializzato, fruibili da categorie di utenti in condizione di svantaggio e/o appartenenti a target specifici di pubblico. I percorsi saranno definiti in collaborazione con i portatori di interessi locali, tra cui le Associazioni di volontariato aderenti alla Consulta comunale del volontariato».

Gli stakeholders locali saranno coinvolti nella definizione di percorsi pilota studiati per migliorare la qualità dell’ospitalità, e che prevedono anche l’installazione di una nuova segnaletica, e la definizione di un calendario di visite guidate ai Musei dedicate a target specifici di pubblico, ed in particolare alle fasce esposte a marginalità sociale. Tali visite guidate saranno organizzate anche a corredo di eventi e manifestazioni di rilevanza nazionale ed internazionale già previsti nel programma istituzionale del Comune di Livorno. (Simona Lancioni)
News
Corso di Alta Formazione “Trasformare i conflitti, convivere nelle diversità”
06-04-2024 14:34 - News
Per parlare della “vicenda di Imperia” è necessario nominare la segregazione, l’istituzionalizzazione e la violenza sistemica
06-04-2024 14:31 - News
La tripla invisibilità delle donne anziane con disabilità
06-04-2024 14:29 - News
“@scATTIdicura”, una bella campagna per promuovere una nuova idea di caregiving
06-04-2024 14:27 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie