12 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

La Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità: rendiamola accessibile, visibile e vivibile

06-03-2024 14:22 - News
Foto in bianco nero di una donna con disabilità che manifesta per i propri diritti esibendo un cartello con la scritta “Nothing about us without us” (Nulla su di noi senza di noi). Lei potrebbe essere un bell’esempio di “Donna Convenzione”.
La Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità continua ad essere poco conosciuta, e dunque poco applicata, anche in quei Paesi (come l’Italia) che l’hanno ratificata. Talvolta l’accesso all’informazione è precluso alle stesse persone con disabilità che non riescono ad accedere alle informazioni nei modi comunemente usati dalle altre persone. Per sopperire a questa lacuna diversi enti hanno tradotto la Convenzione ONU in linguaggi diversificati ed hanno reso tali versioni disponibili in rete. Mentre l’Associazione Diritti alla Follia sta promuovendo “Un-silence your voice” (letteralmente: Non silenziare la tua voce), un innovativo progetto internazionale che, tra le altre cose, invita le persone con esperienza psichiatrica a reinterpretare artisticamente la Convenzione ONU alla luce del proprio vissuto.

Nella Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (ratificata dall’Italia con la Legge 18/2009) ci sono ben due articoli che sanciscono in modo puntuale il diritto delle persone con disabilità ad accedere alle informazioni: l’articolo 9 (Accessibilità) e il 21 (Libertà di espressione e opinione e accesso all’informazione). In particolare quest’ultimo prevede che vengano adottate «tutte le misure adeguate a garantire che le persone con disabilità possano esercitare il diritto alla libertà di espressione e di opinione, ivi compresa la libertà di richiedere, ricevere e comunicare informazioni e idee su base di uguaglianza con gli altri e attraverso ogni mezzo di comunicazione di loro scelta». Il problema è che nella realtà si creano situazioni paradossali. Infatti le persone con disabilità che hanno bisogni comunicativi complessi, e dunque non riescono ad accedere alle informazioni nei modi comunemente usati dalle altre persone, potrebbero non riuscire mai a scoprire di avere questo diritto, e dunque ad esigerlo, se la Convenzione non venisse fornita con linguaggi e forme adeguati alle loro esigenze. Cosa che però accade assai raramente.

Per sopperire a questa lacuna diversi enti hanno tradotto la Convenzione ONU in linguaggi diversificati ed hanno reso tali versioni disponibili in rete. Segnaliamo qualcuna di queste traduzioni. L’Anffas (Associazione Nazionale di Famiglie e Persone con Disabilità Intellettive e Disturbi del Neurosviluppo), ad esempio, ha prodotto la versione in linguaggio facile da leggere e da capire (easy to read, disponibile a questo link), ed anche quella con i simboli della comunicazione aumentativa alternativa (CAA, disponibile a quest’altro link). Non solo, questa Associazione ha tradotto in easy to read anche le Osservazioni conclusive al primo rapporto dell’Italia sull’applicazione della Convenzione prodotte, nel 2016, dal Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’organismo che ha il compito di vigilare sull’applicazione di questo trattato nei Paesi che l’hanno ratificato (esse sono disponibili a questo link). Esiste anche una versione della Convenzione in lingua dei segni italiana (LIS), che è visibile su YouTube a questo link, ed è stata realizzata dal Laboratorio LaCAM (Language and Communication Across Modalities Laboratory) e dal Gruppo SILIS (Gruppo per lo Studio e l’Informazione sulla Lingua dei Segni Italiana). Un’altra versione della Convenzione in CAA è quella prodotta da Simona Piera Franzino e Domenico Massano, curatori del blog «la sCAAtola», ed è disponibile a questo link. Tutte queste versioni non hanno carattere di ufficialità, sono una rielaborazione del testo originale della Convenzione ONU, e sono state prodotte per venire incontro alle esigenze di persone con bisogni comunicativi complessi, ma anche persone straniere che non parlano bene l’italiano, persone con disturbi dell’apprendimento, ecc., contribuendo in tal modo a far sì che i diritti sanciti dalla Convenzione diventino accessibili, visibili, e dunque rivendicabili ed esigibili, proprio da quei soggetti per i quali essa è stata scritta e che, paradossalmente, rischiano di venire esclusi dalla conoscenza.

Eppure esiste un ulteriore livello di divulgazione della Convenzione ONU, ed è quello di riviverla reinterpretandola artisticamente alla luce del proprio vissuto. Ed è quello che fa, nella sostanza, “Un-silence your voice” (letteralmente: Non silenziare la tua voce), un innovativo progetto artistico-giuridico internazionale rivolto a persone con esperienza psichiatrica che scaturisce da un’idea di Annemarie Arnold, componente dell’ENUSP (European Network of (ex)Users and Survivors of Psychiatry, ovvero la Rete Europea degli (ex)Utenti e Sopravvissuti alla Psichiatria), e qui in Italia è riproposto in collaborazione con Diritti alla Follia, un’Associazione impegnata nella promozione dei diritti delle persone con disabilità psico-sociali. L’iniziativa si propone di indurre le persone con esperienza psichiatrica a raccontare i propri vissuti attraverso l’arte, e, appunto, di far conoscere la Convenzione ONU, avendo constatato come essa, purtroppo, continui ad essere poco conosciuta dagli aventi diritto anche nei Paesi che l’hanno ratificata (a questo link una nota di approfondimento sul progetto).

La sfida pertanto non è solo quella di divulgare la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, ma anche di renderla accessibile, visibile e vivibile. Se in letteratura troviamo gli “uomini libro” (Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, 1953), noi potremmo reinventarci “uomini e donne Convenzione”. Se presentata così, di certo non passerebbe inosservata. (Simona Lancioni)
News
Corso di Alta Formazione “Trasformare i conflitti, convivere nelle diversità”
06-04-2024 14:34 - News
Per parlare della “vicenda di Imperia” è necessario nominare la segregazione, l’istituzionalizzazione e la violenza sistemica
06-04-2024 14:31 - News
La tripla invisibilità delle donne anziane con disabilità
06-04-2024 14:29 - News
“@scATTIdicura”, una bella campagna per promuovere una nuova idea di caregiving
06-04-2024 14:27 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie