12 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Crescono le migrazioni sanitarie pediatriche dal Sud al Centro-Nord d’Italia

18-02-2024 14:21 - News
Medardo Rosso, “Bambino malato”, 1888. L’opera scultorea ritrae il collo e il viso di un bambino con gli occhi chiusi e il capo inclinato da un lato.
«Crescono le migrazioni sanitarie pediatriche da Sud verso il Centro-Nord. In particolare, un terzo dei bambini e degli adolescenti si mette in viaggio dal Sud per ricevere cure per disturbi mentali o neurologici, della nutrizione o del metabolismo»: è uno dei dati che emergono dal rapporto “Un Paese, due cure. I divari Nord-Sud nel diritto alla Salute”, curato dall’Associazione SVIMEZ, in collaborazione con Save the Children, ove si sottolinea anche che l’obiettivo dell’equità orizzontale della Sanità verrà ulteriormente messo a rischio dal progetto di autonomia differenziata.*

«Sono numeri crescenti quelli delle migrazioni sanitarie pediatriche da Sud verso il Centro-Nord, segno di carenze o di sfiducia nel sistema sanitario delle Regioni del Mezzogiorno. In particolare, un terzo dei bambini e degli adolescenti si mette in viaggio dal Sud per ricevere cure per disturbi mentali o neurologici, della nutrizione o del metabolismo nei centri specialistici, convergendo principalmente a Roma, Genova e Firenze, sedi di Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) pediatrici»: è uno dei dati che emergono dal rapporto Un Paese, due cure. I divari Nord-Sud nel diritto alla Salute, curato dall’Associazione SVIMEZ, in collaborazione con Save the Children e presentato a Roma (se ne legga anche a questo link).

«L’obiettivo dell’equità orizzontale della Sanità – è stato inoltre sottolineato durante la presentazione del rapporto – è ulteriormente messo a rischio dal progetto di autonomia differenziata. Sulla base infatti delle risultanze del Comitato per l’individuazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni, in particolare tutte le Regioni a Statuto Ordinario potrebbero richiedere il trasferimento di funzioni, risorse umane, finanziarie e strumentali ulteriori rispetto ai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), in un lungo elenco di àmbiti, il che potrebbe determinare ulteriori capacità di spesa nelle Regioni ad autonomia rafforzata. Tutto ciò, in un contesto in cui i LEA non hanno copertura finanziaria integrale a livello nazionale e cinque delle otto Regioni del Mezzogiorno risultano inadempienti, determinerebbe un’ulteriore differenziazione territoriale delle politiche pubbliche in àmbito sanitario».
Torna segnatamente alla mente, a questo proposito, quanto affermato sul portale «Superando.it» dal presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) Vincenzo Falabella, subito dopo l’approvazione al Senato del Disegno di Legge n. 615 sull’autonomia differenziata (Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata delle Regioni a statuto ordinario ai sensi dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione), in attesa ora di passare alla Camera. «L’assenza di risorse dello Stato – aveva infatti dichiarato Falabella -, lasciando tutto alle risorse territoriali, non consentirà di garantire i servizi minimi, aumentando, di fatto, le disparità territoriali e tra cittadini e cittadine. Saranno dunque i più vulnerabili, e tra loro le persone con disabilità, a pagare, ancora una volta, in termini di welfare e diritti. Sarebbe invece più giusto lavorare più che sull’autonomia differenziata, sull’autonomia solidale. In questo senso lo Stato dovrebbe sostenere le Regioni in maggiore difficoltà». (Stefano Borgato)

A questo link è disponibile un ampio testo di approfondimento sul rapporto Un Paese, due cure. I divari Nord-Sud nel diritto alla Salute, presentato a Roma. Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@svimez.it, ufficiostampa@savethechildren.org.

* Il presente testo è già stato pubblicato su Superando.it, il portale promosso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), e viene qui ripreso, con lievi adattamenti al diverso contesto, per gentile concessione.
News
Corso di Alta Formazione “Trasformare i conflitti, convivere nelle diversità”
06-04-2024 14:34 - News
Per parlare della “vicenda di Imperia” è necessario nominare la segregazione, l’istituzionalizzazione e la violenza sistemica
06-04-2024 14:31 - News
La tripla invisibilità delle donne anziane con disabilità
06-04-2024 14:29 - News
“@scATTIdicura”, una bella campagna per promuovere una nuova idea di caregiving
06-04-2024 14:27 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie