15 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

“La gentilezza nelle relazioni di cura” come antidoto ai maltrattamenti

16-10-2023 14:56 - News
La copertina dell’opera “La gentilezza nelle relazioni di cura. Storie, studi e metodo come antidoto ai maltrattamenti” è illustrata con due mani riunite e coi pami rivolti verso l’alto su cui sono posate delle margherite bianche.
Il prossimo martedì 24 ottobre verrà presentato “La gentilezza nelle relazioni di cura. Storie, studi e metodo come antidoto ai maltrattamenti”, un volume di Letizia Espanoli e Francesca Zedda. Fabio Ragaini, esponente del Gruppo Solidarietà, l’Ente che promuove l’iniziativa, dialogherà con una delle Autrici, Letizia Espanoli. L’evento si svolgerà online. Si tratta di «un’opera che ambisce a seminare nuove possibilità nella cultura organizzativa delle Residenze per anziani e nel cuore dei professionisti, attraverso molteplici elementi di valore», spiegano dal Gruppo Solidarietà.
La copertina dell’opera “La gentilezza nelle relazioni di cura. Storie, studi e metodo come antidoto ai maltrattamenti” è illustrata con due mani riunite e coi pami rivolti verso l’alto su cui sono posate delle margherite bianche.

Il prossimo martedì 24 ottobre verrà presentato “La gentilezza nelle relazioni di cura. Storie, studi e metodo come antidoto ai maltrattamenti”, un volume di Letizia Espanoli e Francesca Zedda (Editrice Dapero, 2023). In occasione dell’incontro Fabio Ragaini, esponente del Gruppo Solidarietà di Moie di Maiolati Spontini (Ancona), l’Ente che promuove l’iniziativa, dialogherà con una delle Autrici, Letizia Espanoli. L’evento si svolgerà online sulla piattaforma Zoom a partire dalle ore 17,30 (per partecipare è necessario compilare il seguente modulo online).

A parlare della necessità di introdurre la gentilezza nei percorsi di cura è stato anche Harry Urban, un attivista americano che convive con la demenza, ma che non si identifica con essa. «Io non sono la mia malattia!», è una delle sue affermazioni più note. Urban dirà anche: «Per le persone che vivono con demenza la gentilezza è importante, perché sono sole a vivere nel proprio mondo e hanno bisogno di un atto di gentilezza per sapere che non sono sole».

«“La gentilezza nelle relazioni di cura” è un’opera, che ambisce a seminare nuove possibilità nella cultura organizzativa delle Residenze per anziani e nel cuore dei professionisti, attraverso molteplici elementi di valore – spiegano dal Gruppo Solidarietà –. Si parte infatti con una storia di cura, articolata in più storie e più punti di vista, che arrivano dritti all’anima del lettore. Alla componente narrativa segue il resoconto rigoroso di tutti quegli studi scientifici che illustrano e confermano quanto bene la gentilezza possa fare agli individui e alle organizzazioni. Fiore all’occhiello del libro sono infine tutte le indicazioni pratiche su come coltivare la gentilezza in noi e nei nostri ambienti di lavoro, con uno speciale excursus sui “super-poteri” del professionista della cura che sa essere gentile: le giuste attenzioni riposte agli sguardi, ai gesti, alla voce e allo spazio tra le persone».

«Essere comunità non si improvvisa, ma si organizza – osserva Espanoli su «Appunti sulle politiche sociali», la rivista del Gruppo (n. 3/2023) –. Ecco allora che l’ambiente diventa attore non contenitore, diventa il fertilizzante delle relazioni e dei processi, diventa il concime per il benessere l’appartenenza. E perché questo avvenga serve impastare idee innovative e gentilezza (uno sguardo gentile sulle possibilità delle persone). Il contrario è sotto ai nostri occhi. Dal punto di vista ambientale molte residenze per anziani sono diventate i luoghi della marginalità, come i vecchi ospedali psichiatrici di un tempo, oppure i luoghi della pietà dove le persone “portano” il loro tempo per creare benessere più a se stesse che non ai residenti ed agli operatori. L’ambiente fisico è la manifestazione più visibile della cultura di una organizzazione (dimmi cosa c’è in giro, con cosa appendi le comunicazioni, come sono le bacheche, che odore c’è, come sono i ripostigli, se apro un cassetto cosa trovo, cosa c’è sopra la scrivania del direttore, quali quadri sono appesi … e ti dirò chi sei e quali valori sta perseguendo la tua organizzazione – potresti tristemente scoprire che sono molto diversi da quelli che porti nel cuore). Nel nostro caso l’edificio diventa attore per messaggi di riflessione ed i valori diventano “spunti incarnati” che rafforzano l’identità».

Chi vuole approfondire può visionare anche i video dei precedenti incontri organizzati dal Gruppo Solidarietà sullo stesso tema. In particolare si segnalano “Vita da vecchi. L’umanità negata degli anziani non autosufficienti” con Antonio Censi, e “Il maltrattamento nelle RSA” (residenze sanitarie assistite), con Luca Fazzi. Si segnalano inoltre i seguenti articoli: Antonio Censi, Curare le ferite sociali degli anziani non autosufficienti, in «Appunti sulle politiche sociali» n. 1/2022 (238); Luca Fazzi, Il maltrattamento nelle strutture residenziali per anziani, in «Appunti sulle politiche sociali» n. 4/2021 (237). (S.L.)
News
A Peccioli un convegno sui PDTA nelle malattie neuromuscolari in Toscana
14-04-2024 14:57 - News
Giornata per le Malattie Neuromuscolari: verrà celebrata il 13 aprile con eventi in 19 città italiane
14-04-2024 14:49 - News
Vita Indipendente: incontro tra la Regione Toscana e le persone con disabilità
14-04-2024 14:45 - News
InformAbility per le mamme con disabilità
14-04-2024 14:44 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie