03 Marzo 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

A Bologna un sit-in di protesta contro la spersonalizzazione dei Servizi per la Salute Mentale

24-01-2024 15:01 - News
Opera policroma di Michelle Mischkulnig, artista del tessile australiana, realizzata con l’impiego di stoffe e fili di diversa consistenza. Essa raffigura un crepaccio tra due rilievi ed alcuni alberi esili piegati dal vento. Al centro dell’opera un pallido sole.
Il prossimo giovedì 18 gennaio, a Bologna, si terrà un sit-in di protesta contro la spersonalizzazione dei Servizi per la Salute Mentale. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Diritti Senza Barriere per denunciare la grave situazione di una donna con disabilità psichica, istituzionalizzata ed in carico presso i Servizi per la Salute Mentale. Manca un progetto riabilitativo individualizzato che tenga conto dei suoi bisogni e desideri, che preveda un suo coinvolgimento nella definizione del proprio percorso di vita, e che individui obiettivi da perseguire. L’unica risposta che i Servizi sanno predisporre per questa donna sono gli psicofarmaci.


Il prossimo giovedì 18 gennaio, a Bologna, si terrà un sit-in di protesta contro la spersonalizzazione dei Servizi per la Salute Mentale. L’iniziativa, che si svolgerà nella mattinata, a partire dalle ore 9.00, presso il Centro di Salute Mentale della Casa della Salute Borgo Panigale (in Via Ercole Nani n. 10), è organizzata da Diritti Senza Barriere, un’Associazione di volontariato locale che si occupa della tutela e della promozione dei diritti nel settore sanitario e assistenziale. Lo scopo della manifestazione pubblica è denunciare la grave situazione di una donna con disabilità psichica, istituzionalizzata ed in carico presso i Servizi per la Salute Mentale.

La psichiatra che segue la donna ormai da quattro anni basa le sue valutazioni sui soli dati clinici, senza conoscere e prestare attenzione alla persona, alla sua biografia, i suoi vissuti e le sue risorse, spiegano dall’Associazione. Prova ne sia la mancanza di un progetto riabilitativo individualizzato che tenga conto delle sue caratteristiche personali, dei suoi bisogni e desideri, che preveda un suo coinvolgimento nella definizione del proprio percorso di vita, e che individui obiettivi da perseguire.

Nonostante le molteplici segnalazioni di inefficienza e trascuratezza dello stato psicologico e fisico della donna avanzate da sua sorella, ed unica parente superstite, l’unica risposta dei Servizi per la Salute Mentale sono gli psicofarmaci. Anche il tutore della donna mostra di non conoscerla, svolge il suo ruolo in modo burocratico, limitandosi a sottoscrivere le proposte della psichiatra.
L’unica familiare che conosce e segue la propria congiunta da una vita, non è coinvolta, è tenuta all’oscuro della situazione clinica della paziente. La sua presenza è vissuta come un disturbo, sebbene la sua conoscenza esperienziale sarebbe molto utile a promuovere la salute della donna, e ad umanizzare il Servizio.

Per queste ragioni Diritti Senza Barriere chiede con urgenza: che la familiare sia resa partecipe della situazione clinica della propria congiunta. Che per la donna con disabilità psichica venga predisposto un progetto personalizzato riabilitativo che tenga conto dei suoi sintomi, di come affrontare le “voci” che ode, dei suoi bisogni, delle sue necessità, delle sue risorse. Un progetto in cui siano indicati degli obiettivi da perseguire a breve e medio termine, e che sia sottoposto a verifiche periodiche, verbalizzate e sottoscritte dai partecipanti. Ed infine, che l’équipe multidisciplinare che segue il caso organizzi degli incontri periodici che coinvolgano la stessa donna con disabilità psichica e la sua familiare, affinché le decisioni sanitarie e sugli altri aspetti della sua vita, essendo frutto di una scelta condivisa, migliorino l’organizzazione dei Servizi e lo stato di salute complessivo della donna. (S.L.)

Per informazioni: dirsenbar@yahoo.it



Vedi anche:

Bologna, ancora un sit-in di protesta per la trasparenza nella gestione degli istituti di tutela giuridica, «Informare un’h», 11 dicembre 2023.

Bologna, un sit-in per chiedere maggiore trasparenza nella gestione degli istituti di tutela giuridica, «Informare un’h», 21 novembre 2023.

Sezione del centro Informare un’h dedicata al tema della “Tutela giuridica”.
News
Toscana, presentata una Proposta di Legge per il riconoscimento del caregiver familiare
23-02-2024 16:08 - News
Le osservazioni rivolte all’Italia dal Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione contro le donne
23-02-2024 16:04 - News
Le Osservazioni del Comitato CEDAW e le donne con disabilità
23-02-2024 16:03 - News
Non Una Di Meno e accessibilità delle manifestazioni, arriva la risposta collettiva
23-02-2024 16:01 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie