24 Maggio 2020
News
percorso: Home > News > Archivio

Servizi a rischio per i disabili dopo il no del Tar al nuovo Isee

28-02-2015 14:55 - Archivio
Con il "pasticciaccio" dell´Isee come al solito ci rimettono i disabili. Che nel caos prodotto dalla recente bocciatura del Tar temono per i servizi legati all´Isee socio-sanitario, mentre il governo tace e Comuni e Regioni brancolano nel buio.

Il problema è nato con l´approvazione del decreto relativo al nuovo regolamento per il calcolo dell´indicatore della situazione economica equivalente (Isee) che ha incluso nel reddito disponibile pensioni e indennità percepite a causa di una disabilità accertata. Una decisione che io, insieme al sottosegretario Franca Biondelli e ad alcune associazioni dell´handicap, abbiamo avversato da subito, ma inutilmente, e che il tribunale amministrativo del Lazio ha dichiarato illegittima.

Si legge nella sentenza:

Non è dato comprendere per quale ragione, nella nozione di reddito, che dovrebbe riferirsi a incrementi di ricchezza idonei alla partecipazione alla componente fiscale di ogni ordinamento, sono stati compresi anche gli emolumenti riconosciuti a titolo meramente compensativo e/o risarcitorio a favore delle situazioni di disabilita

Si tratta infatti di pensioni di invalidità e indennità di accompagnamento, assegnati a chi ha bisogno ogni giorno di un aiuto e di un sostegno per vivere e soprattutto per esercitare il diritto alla "pari dignità sociale" senza limiti alla libertà e all´eguaglianza con gli altri cittadini , scandito a chiare lettere nell´articolo 3 della Costituzione.

Ora siamo in attesa della prossima mossa da parte del governo che può ricorrere al Consiglio di Stato o ammettere l´errore e correggere il tiro. In ogni caso ogni giorno è prezioso, soprattutto per le famiglie dei disabili alle prese con i Caf dove regna l´incertezza in assenza di regole certe.

"Sono a rischio l´assistenza domiciliare, gli assegni di cura, la gratuità per la frequentazione di centri diurni" spiega Simona Bellini, presidente del coordinamento nazionale famiglie disabili, che in questi giorni sta inviando a tutte le amministrazioni le richieste per fare in modo che non siano interrotti i servizi essenziali in questo periodo di transizione.

A quanto pare l´assessore alle Politiche sociali della Liguria, Lorena Rambaudi, si è già mossa in tal senso, deliberando uno stop di sei mesi grazie al quale tutto funziona come prima, e ha invitato i Comuni a fare altrettanto. Ma le famiglie aspettano impazienti una decisione.

Di buono c´è che quella del Tar è stata una "sentenza storica", come sottolinea la Bellini, "perché per la prima volta un ricorso al Tar si è trasformato in una vera e propria class action contro le iniquità che da diverso tempo si vanno riversando sui cittadini più fragili".

Ora però che la palla è tornata al governo c´è bisogno di chiarezza perché confondere gli evasori con i disabili dimostra semplicemente la distanza tra la politica e la vita reale. Dove si vive nel disagio e nella paura. È giusto sottolineare anche che, in questa battaglia, nessuno ha mai voluto mettere in dubbio la bontà dell´impegno volto a colpire furbetti ed evasori attraverso l´Isee.

Io di certo non mollerò, continuerò a combattere per i diritti e inviterei il governo a non fare alcun ricorso perché sembrerebbe un vero e proprio accanimento contro i disabili.

News

DURANTE E DOPO DI NOI IN TOSCANA SUD-EST. QUALE FUTURO?

28-11-2019 14:44 - News

IL DISABILITY CASE MANAGER

28-11-2019 14:42 - News

Nuove prospettive per la disabilità

25-11-2019 15:24 - News

Nuove prospettive per la disabilità

25-11-2019 15:23 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account