24 Febbraio 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Stretta dell’INPS sui limiti di reddito per le prestazioni di invalidità civile

02-09-2023 14:39 - News
Una delle sedi INPS con la targa ed il logo dell’Istituto che la identifica.
Un recente Messaggio dell’INPS, sotto forma di comunicazione interna, ha precisato che «nella determinazione del reddito rilevante ai fini della verifica del diritto alle prestazioni di invalidità civile sono computati i redditi soggetti a IRPEF al lordo delle ritenute fiscali», rivedendo in tal modo le indicazioni di un precedente Messaggio INPS dello scorso anno, ove si era detto che, ai fini del diritto alle prestazioni di invalidità civile, erano «computati tutti i redditi di qualsiasi natura, calcolati ai fini IRPEF al netto degli oneri deducibili e delle ritenute fiscali».*
Una delle sedi INPS con la targa ed il logo dell’Istituto che la identifica.

Com’è noto, le prestazioni di invalidità civile, ad esclusione dell’indennità di accompagnamento, sono tutte legate a un limite reddituale, superato il quale se ne perde il diritto. A questo link, come ogni anno, avevamo pubblicato in gennaio gli importi delle varie prestazioni, con i relativi limiti di reddito, ricordando ad esempio che per il 2023 la pensione mensile agli invalidi civili totali (100%) è di 313,91 euro (eventualmente maggiorabile fino a 700,18 euro), con un limite di 17.920 euro e che l’assegno mensile per gli invalidi civili parziali (74-99%) è dello stesso importo, con un limite di 5.391,88 euro.

Ora un recente Messaggio Hermes dell’INPS (n. 2705 del 18 luglio scorso: comunicazione interna, non pubblicata nel sito dell’Istituto), precisa che «nella determinazione del reddito rilevante ai fini della verifica del diritto alle prestazioni di invalidità civile sono computati i redditi soggetti a IRPEF al lordo delle ritenute fiscali».
In tal modo l’Istituto rivede le indicazioni contenute in un precedente Messaggio Hermes (n. 1688 del 19 aprile 2022), in cui si precisava invece che, ai fini del diritto alle prestazioni in oggetto «sono computati tutti i redditi di qualsiasi natura, calcolati ai fini IRPEF al netto degli oneri deducibili e delle ritenute fiscali».
«Ne consegue – come commentano dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) – che l’applicazione delle nuove indicazioni potrebbe, in casi “estremi” avere rilevanza per i titolari di prestazioni di invalidità civile che percepiscono anche redditi imponibili ai fini IRPEF (redditi da lavoro, da locazione, pensioni di reversibilità): il reddito lordo, infatti, comprendendo anche le ritenute fiscali, è ovviamente di importo maggiore rispetto a quello netto, e dipende da vari fattori (aliquota d’imposta applicata, deduzioni e detrazioni dal reddito…), per cui rileva maggiormente per il raggiungimento del limite reddituale previsto per il diritto alle prestazioni». (Stefano Borgato)
News
Toscana, presentata una Proposta di Legge per il riconoscimento del caregiver familiare
23-02-2024 16:08 - News
Le osservazioni rivolte all’Italia dal Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione contro le donne
23-02-2024 16:04 - News
Le Osservazioni del Comitato CEDAW e le donne con disabilità
23-02-2024 16:03 - News
Non Una Di Meno e accessibilità delle manifestazioni, arriva la risposta collettiva
23-02-2024 16:01 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie