22 Giugno 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Non autosufficienza, 25 milioni per l'assistenza domiciliare dal Fondo sociale europeo

24-01-2024 14:44 - News
Mani di operatore sanitario che tengono quelle di una paziente anziano in carrozzina

Oltre 25 milioni di euro per interventi a sostegno dei servizi di cura domiciliare rivolti a persone non autosufficienti o con forte limitazione dell’autonomia: è questo il contenuto del bando che è stato pubblicato oggi sul Burt, Bollettino ufficiale della Regione Toscana. Un intervento che la Regione ha attivato utilizzando risorse del Fondo sociale europeo nella programmazione 2021-2027.

I soggetti beneficiari delle risorse sono le Società della salute o, laddove non presenti, le Conferenze dei sindaci; i progetti dovranno essere presentati entro il 9 febbraio 2024. Le azioni previste avranno una durata triennale.

“Queste risorse rappresentano un importante sostegno per la qualità della vita di queste persone, delle loro famiglie e dei caregiver nel supporto al carico di cura”, ha evidenziato il presidente della Regione Eugenio Giani.

“Gli interventi messi a bando, finanziati con la nuova programmazione del Fondo Sociale europeo - ha aggiunto l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli - permettono di sostenere azioni di continuità assistenziale dopo le dimissioni ospedaliere, oppure consentono a persone non autosufficienti o a rischio di non autosufficienza, anziane o con disabilità, di essere seguite a domicilio, potendo così restare nell’ambito familiare e nel proprio contesto di vita”.

“Si tratta – ha proseguito Serena Spinelli - di uno strumento che mette insieme alcuni dei principi di fondo della nostra idea di welfare. Per esempio che l’assistenza debba essere personalizzata, coordinata e continuativa, con piani individualizzati definiti tenendo al centro le persone e coordinati all’interno dell'intero sistema dei servizi sociali e sanitari.
In continuità con le linee della precedente programmazione si mantengono principi cardine come la presa in carico integrata, il ruolo centrale delle zone-distretto come ambiti territoriali di riferimento, l'aspetto della co-progettazione degli interventi con i soggetti del terzo settore. Con alcune innovazioni, tra cui quella relativa alla durata dei progetti, estesa da due a tre anni, per garantire una maggiore continuità e dare più solidità alla programmazione da parte dei servizi sociosanitari territoriali".

I progetti finanziabili dal bando dovranno seguire quattro possibili linee d’azione: la prima, relativa ai servizi di continuità assistenziale ospedale-territorio, garantirà una serie di interventi assistenziali nel domicilio della persona a seguito di dimissioni ospedaliere o da strutture di cure intermedie o riabilitative; la seconda l’accesso a servizi anche innovativi di carattere socio-assistenziale per persone con diagnosi di demenza al fine di permettere loro di rimanere presso la propria abitazione e nel loro contesto di vita. La terza azione finanzierà l’erogazione di contributi economici per un assistente familiare regolarmente assunto con l’obiettivo di ampliare il servizio di assistenza familiare. Infine la quarta azione sosterrà l’accesso a servizi di carattere socio assistenziale ai minori disabili e servizi di sostegno alle loro famiglie.

Tutti gli interventi verranno realizzati sulla base di piani individualizzati.

Info sul bando a questo link
News
L’amministrazione di sostegno, dai numeri alle persone
08-06-2024 14:33 - News
Cassazione: il diritto del beneficiario di amministrazione di sostegno a partecipare alle decisioni che lo riguardano è incomprimibile
08-06-2024 14:32 - News
Amministrazione di sostegno: perché avete portato via la mamma di Giovanna?
08-06-2024 14:31 - News
Un manifesto condiviso per lo sviluppo del welfare culturale
08-06-2024 14:28 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie