18 Maggio 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Nomenclatore: crea sconforto l’ulteriore rinvio dei nuovi tariffari

05-05-2024 14:13 - News
Particolare del viso di un uomo che incrocia le mani davanti alla bocca con fare pensoso.
«Il Decreto Ministeriale che ha fatto ancora una volta slittare la data di entrata in vigore dei nuovi tariffari per la specialistica ambulatoriale e protesica al 1° gennaio 2025, tariffari cui sono strettamente legate anche tutte le prestazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale introdotte nel 2017, getta sconforto nel campo della disabilità»: lo scrivono da DysNet-Dysmelia Network, Federazione di Associazioni rappresentativa a livello europeo di persone con malformazioni agli arti, che in particolare evidenziano alcune specifiche criticità di questa situazione.
Particolare del viso di un uomo che incrocia le mani davanti alla bocca con fare pensoso.
La notizia che per l’entrata in vigore dei nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), dopo un primo slittamento dal 1° gennaio al 1° aprile di quest’anno, si dovrà attendere ancora, getta sconforto nel campo della disabilità. Come reso noto infatti nei giorni scorsi, un nuovo Decreto prodotto dal Ministro della Salute di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha fatto ancora una volta slittare la data di entrata in vigore dei nuovi tariffari per la specialistica ambulatoriale e protesica, cui sono strettamente legate anche tutte le prestazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale introdotte nel 2017, al 1° gennaio 2025.
Nel caso specifico, la nostra organizzazione (DysNet-Dysmelia Network), che è una Federazione di Associazioni rappresentativa a livello europeo di persone con malformazioni agli arti, ritiene di richiamare l’attenzione in particolare su alcune specifiche criticità:
° Protesi moderne non coperte dal Nomenclatore Tariffario
L’attuale Nomenclatore copre protesi cosiddette estetiche o cosmetiche come pure protesi mioelettriche basate su una tecnologia che non è sostanzialmente cambiata negli ultimi quarant’anni. Le protesi robotiche di ultima generazione, con costi variabili da 20 a 50 k€ [da 20.000 a 50.000 euro, N.d.R.] sono coperte solo in parte (rimborso massimo di 8 k€ [8.000 euro, N.d.R.]) dall’attuale Nomenclatore Tariffario, il che le rende non accessibili dalla maggior parte dell’utenza. Con il paradosso che vede l’Italia tra i Paesi più avanzati nel campo della ricerca e della realizzazione di tali ausili ad alta tecnologia, senza purtroppo poterne prevedere una capillare divulgazione – indipendentemente da singole volontà e capacità – il che contribuirebbe fra l’altro ad una diminuzione dei costi se prodotti su più vasta scala.
° Ausili non coperti da Nomenclatore Tariffario
Sono disponibili sul mercato alcuni prodotti e ausili che offrono alle persone con disabilità grande valore aggiunto nel compiere attività specifiche, dal mangiare, allo sport, al suonare uno strumento. Questi ausili non sono necessariamente più costosi delle protesi cosmetiche, ma conferiscono una funzionalità che le protesi ordinarie non riescono a garantire. Il loro costo ammonta ad alcune centinaia di euro, esborso non trascurabile per una persona e la sua famiglia, che non ricevono alcun rimborso per tali ausili non essendo appunto previsti dal Nomenclatore. È necessario dunque che il Nomenclatore preveda tali ausili di grande valore per persone con disabilità agli arti.
° Le riparazioni di protesi sono incluse e come tali rimborsabili dalle Aziende Socio Sanitarie Territoriali: e tuttavia il ricorso a soluzioni “private” è spesso quello scelto dagli utenti in quanto fissare un appuntamento con il fisiatra che deve certificare la necessità della riparazione richiede regolarmente molti mesi, spesso anche fino ad un anno di attesa almeno in diverse Regioni d’Italia. Ciò crea enormi problemi in quanto la rottura di una protesi non è certo programmabile e ha necessità di trovare soluzione immediata.
Sono questi alcuni dei punti sottoposti all’attenzione anche del presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) Vincenzo Falabella, con cui si è consolidato un percorso proattivo di reciproca attenzione e collaborazione rispetto ai temi richiamati. In tal senso, sono in programma prossimamente altri incontri di maggior dettaglio, finalizzati a sottoporre ai livelli istituzionali preposti le esigenze già esposte e qui sinteticamente richiamate a titolo esemplificativo e come tale non esaustivo.
Dal canto nostro confidiamo in un’autentica capacità di ascolto nei confronti di tutti coloro che attendono da anni un aggiornamento del Nomenclatore Tariffario al passo con i tempi e con una tecnologia evoluta che consentirebbe di migliorare sensibilmente la qualità della vita di persone con disabilità agli arti.
* Dysmelia Network. Il presente testo è già stato pubblicato su «Superando.it», il portale promosso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), e viene qui ripreso, con lievi adattamenti al diverso contesto, per gentile concessione.
News
Anche la Toscana celebra la Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’accessibilità
17-05-2024 11:49 - News
Le Manifestazioni Nazionali UILDM, un tempo di racconto, incontro e proposta per “Guardare oltre”
17-05-2024 11:48 - News
Proposta di riforma dell’amministrazione di sostegno, una sintesi dei contenuti
17-05-2024 11:46 - News
Riforma dell’amministrazione di sostegno, al via la Campagna “Fragile a Chi?!”
17-05-2024 11:40 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie