18 Maggio 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

La Giornata mondiale della voce

05-05-2024 14:17 - News
Particolare di una donna che si tocca la gola con una mano.
Lo scorso 16 aprile si è celebrata la Giornata mondiale della voce, una ricorrenza nata in Brasile nel 1999 allo scopo di incoraggiare le persone a prendersi cura delle corde vocali, giacché esse sono esposte ad essere danneggiate a causa di molteplici fattori. Pare che in Italia una persona su cinque soffra di disfonia. Qualche soluzione arriva dall’intelligenza artificiale.
Particolare di una donna che si tocca la gola con una mano.
Lo scorso 16 aprile si è celebrata la Giornata mondiale della voce, una ricorrenza nata in Brasile nel 1999 allo scopo di incoraggiare le persone a prendersi cura delle corde volali, giacché esse sono esposte ad essere danneggiate a causa di molteplici fattori. In occasione della ricorrenza, che ormai è celebrata ovunque, sono stati divulgati alcuni dati di uno studio americano sullo stato di salute della voce recentemente divulgato dalla «National Library of Medicine» (Prevalence of Voice Disorders in the United States: A National Survey, gennaio 2024), dal quale risulta che negli Stati Uniti d’America un adulto su 5 (20.6%) soffra di «voice disorders» (disturbi della voce). Mentre un altro studio del 2005, di cui riferisce «The Economist» (A flexible patch could help people with voice disorders talk, 13 marzo 2024), aveva previsto che il 30% della popolazione globale avrebbe sofferto di un disturbo vocale ad un certo punto della vita. Per quel che riguarda l’Italia, alcuni dati sono stati pubblicati lo scorso anno sul giornale medico online «clicMedicina», che titolava: 1 italiano su 5 colpito da disfonia almeno 1 volta nella vita (13 aprile 2023).
Con il termine disfonia si fa riferimento ad «un’alterazione qualitativa o quantitativa della voce, per una qualsiasi causa. La disfonia può avere origine organica o funzionale. Tra le cause organiche annoveriamo le infiammazioni a carico della laringe (laringiti), le malformazioni congenite, la presenza di lesioni tumorali o di lesioni benigne (come per esempio polipi, noduli o cisti delle corde vocali) e i traumi. Tra le cause funzionali rientrano, invece, l’uso eccessivo e/o scorretto della voce e la disfonia idiopatica (senza causa apparente)», è scritto nel sito dell’IRCCS Humanitas (nell’apposita voce dell’Enciclopedia medica).
Delle possibili risposte alla disfonia si è occupata proprio in questi giorni «Tecnomedicina», una testata che indaga il rapporto tra nuove tecnologie e medicina, che ha messo in rilievo le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale, in sigla AI. (si veda: Un adulto su 5 presenta disturbi alle corde vocali: per salvaguardarle scende in campo l’intelligenza artificiale, 16 aprile 2024). In particolare è segnalato ”Voice4You”, un progetto tutto italiano sviluppato da QuestIT, un’azienda di Siena specializzata proprio nella realizzazione di tecnologie proprietarie di AI. “Voice4You” «sfrutta le potenzialità del voice cloning [clonazione vocale, N.d.R.] per ridare gratuitamente voce a tutte quelle persone che non possono più utilizzarla al massimo del loro potenziale per via di lesioni o malattie come la SLA [sclerosi laterale amiotrofica, N.d.R.]», è scritto. «La voce è lo strumento più potente che abbiamo a nostra disposizione – ha dichiarato Ernesto Di Iorio, CEO di QuestIT – Grazie all’AI ora possiamo aiutare gratuitamente chi ha avuto o tuttora sta vivendo situazioni di disagio. A livello strettamente operativo, chiunque sia interessato al servizio potrà compilare il form presente al link alghoncloud.com. Una volta ricevuta la segnalazione, il nostro team richiederà un file o una registrazione, audio oppure video, contenente la voce da clonare. In seguito, la nostra piattaforma Algho catturerà il tone of voice [tono di voce, N.d.R.] e, in meno di 24 ore, procederà con la clonazione fornendo così una soluzione capace d’aiutare persone di tutte le età, soprattutto, all’interno di ospedali e centri specializzati». Nell’articolo di «Tecnomedicina» sono segnalati anche altri progetti analoghi realizzati negli USA e in Olanda. (S.L.)
News
Anche la Toscana celebra la Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’accessibilità
17-05-2024 11:49 - News
Le Manifestazioni Nazionali UILDM, un tempo di racconto, incontro e proposta per “Guardare oltre”
17-05-2024 11:48 - News
Proposta di riforma dell’amministrazione di sostegno, una sintesi dei contenuti
17-05-2024 11:46 - News
Riforma dell’amministrazione di sostegno, al via la Campagna “Fragile a Chi?!”
17-05-2024 11:40 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie