03 Marzo 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Giornata delle persone con disabilità - La musica senza spartito di chi la musica non la sente

11-12-2023 16:37 - News
Lorenzo è musicoterapista alla Lega del Filo d'Oro: suona per persone che non vedono e non sentono. Qualcuno ama sdraiarsi sul pianoforte, per sentire meglio le vibrazioni. Lui non segue uno spartito ma mette in musica i movimenti e le emozioni delle persone stesse: «È la persona che diventa uno spartito. A me piace dire che diventa un’opera d'arte», dice

di Sara De Carli

«La musica? Si può ascoltare con le orecchie, il corpo, le mani, con un gesto che viene donato in una relazione di contatto. Esiste anche un gesto che diventa suono, lo percepisci, non è necessario sentirlo. È per questo che la musica è uno strumento per comunicare profondamente con tutte le persone»: a parlare così è Lorenzo Orlandi, musicoterapista. Dal 2006 lavora alla Lega del Filo d’Oro di Lesmo (Mb): fa musica con chi la musica non la sente, le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale.

«Non è questione di affermare che la musica “tocca le emozioni”», dice. «È qualcosa di più: la musica tocca tutta la persona nella sua pienezza, mette la persona nella condizione di essere pienamente se stessa».

Quando Lorenzo è arrivato alla Lega del Filo d’Oro, aveva esperienza di lavoro con la disabilità, ma non con la sordocecità. «Avevo chiesto un pianoforte e dopo solo una settimana ero già senza parole, tanto le risposte erano clamorose. Vedevo persone sordocieche dalla nascita che, con un tamburello in mano, rispondevano alla mia musica, in un dialogo relazionale. Mi si è aperto un mondo», ricorda.

Non è questione di affermare che la musica “tocca le emozioni”. È qualcosa di più: la musica tocca tutta la persona nella sua pienezza, mette la persona nella condizione di essere pienamente se stessa
Lorenzo Orlandi, musicoterapista della Lega del Filo d’Oro

A Lesmo, Lorenzo ha un pianoforte a mezzacoda. Alcune persone amano sdraiarsi sul piano, con la schiena appoggiata sul coperchio per sentire meglio le vibrazioni e percepire la musica con il loro corpo: «Io suono non seguendo uno spartito musicale ma interpretando i micro-comportamenti della persona: i suoi respiri, i movimenti… È la persona che diventa uno spartito, che io vado a interpretare. A me piace dire che la persona diventa un’opera d’arte».

Stefano invece si siede sullo sgabello accanto a Lorenzo: lui è una persona sordocieca e mentre con la mano sinistra ascolta ciò che Lorenzo suona, con la mano destra suona lui stesso. «Io improvviso facendo delle strutture sotto quello che Stefano suona, dando una struttura a quel progetto espressivo. Negli anni ormai “combaciamo” alla perfezione, è come se davvero stessimo suonando insieme. Per Stefano significa davvero avere la possibilità di esprimersi attraverso la musica», spiega Lorenzo.

Una terza tecnica per fare musica con chi non vede e non sente è quella del “piano mirroring”: la musica in questo caso diventa il racconto che descrive in note la relazione fra due persone, per esempio fra un utente e il suo educatore. «Come arriva la musica alla persona con sordocecità, se lei non sente? La persona tiene una cassa in mano e io esco con la mia musica su questa cassa».

Ci sono situazioni in cui l’obiettivo della musica è la comunicazione. In altri casi invece la musica consente di valorizzare le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, permettendo alle persone di contattare la propria energia vitale: «Sorridono, cominciano a muoversi, è una esperienza nuova, che dà qualità di vita. Per Maria Assunta, per esempio l’attivitò musicale è lo strumento per realizzare progetti e percorsi che le permettono di sentiri appagata di quel che sta facendo», dice Lorenzo.

Come quando Maria Assunta ha cantano in LIS il celebre Il clarinetto, è andata in uno studio di registrazione e l’ha registrata per il grande Renzo Arbore, da decenni testimonial della Lega del Filo d’Oro. È stata così soddisfatta dell’esperienza che sta già preparando un’altra sorpresa: un’altra canzone per un altro vip. Ma al momento tutto è top secret.

Foto da ufficio stampa Lega del Filo d’Oro
News
Toscana, presentata una Proposta di Legge per il riconoscimento del caregiver familiare
23-02-2024 16:08 - News
Le osservazioni rivolte all’Italia dal Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione contro le donne
23-02-2024 16:04 - News
Le Osservazioni del Comitato CEDAW e le donne con disabilità
23-02-2024 16:03 - News
Non Una Di Meno e accessibilità delle manifestazioni, arriva la risposta collettiva
23-02-2024 16:01 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie