15 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Dislessia. Cosa fare. Guida rapida per insegnanti (e genitori)

21-10-2023 14:44 - News
La dislessia, uno tra i più diffusi Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), compromette la capacità di rendere automatica la corrispondenza fra segni e suoni e dunque la capacità di lettura.

Tuttavia a testimonianza che avere delle difficoltà di apprendimento non significa non essere in grado di imparare, interviene il libro scritto da Filippo Barbera, già studente con Dsa e oggi anche insegnante di scuola primaria specializzato in Psicopatologia dell’apprendimento, “Dislessia. Cosa fare (e non). Giuda rapida per insegnanti” della Erickson 16,50 Euro.

Dedicato alla dislessia, il libro è un singolare e prezioso manuale adatto a insegnanti, genitori ed educatori in genere, ma soprattutto è una guida facile da consultare per immagini, linguaggio, riferimenti e note.

Composto da 14 capitoli, ognuno dei quali presenta situazioni problematiche o difficoltà specifiche che possono emergere in classe.

Si tratta dunque di istruzioni quasi immediate per affrontare con successo particolari situazioni problematiche e difficoltà tipiche della dislessia.

Ne segnaliamo alcuni che fra l’altro sono stai oggetto di esame nel corso della Settimana nazionale della Dislessia 2023

Legge lentamente: stimolare la curiosità e il piacere per la lettura attraverso letture animate, attività in biblioteca, creazione di piccoli libri, ecc.
Non trova le parole: proporre esercizi di arricchimento lessicale come trovare sinonimi di parole o individuare la parola esatta o giochi di associazione in cui il bambino deve individuare parole simili o correlate.
Dimentica le cose: incoraggiare l’uso di mappe, schemi, glossari e formulari. Proporre giochi di memoria,
Non sa gestire il tempo: proporre attività di misurazione con strumenti che permettano di evidenziare il più oggettivamente possibile la durata considerata, non omettere di insegnare a usare il diario scolastico nella convinzione che i bambini imparino a farlo in modo spontaneo o automatico.

È disorganizzato: lavorare concretamente fin dai primi giorni di scuola su ordine e organizzazione, non delegare esclusivamente alla famiglia il compito di lavorare sull’organizzazione.
Dice che la scuola è una noia: introdurre alcuni accorgimenti nella didattica che permettano al bambino di apprendere e sviluppare le proprie potenzialità, non colpevolizzare i genitori né partire dal presupposto che la dislessia sia una malattia da cui si può guarire: è una caratteristica della persona.
Rinuncia in partenza: incoraggiare il ragazzo e lodarlo, trovando qualcosa in cui riesce bene. Non reputare «facilitazioni» gli strumenti compensativi e le misure dispensative

Se dunque per certi versi Individuare difficoltà nel bambino con Dsa è semplice, il difficile è provare a dare una risposta ai bisogni dell’alunno senza perdere di vista il percorso di apprendimento, gli obiettivi didattici e l’inclusione.

L’obiettivo è allora quello di concretizzare un’azione didattica che permetta di superare le difficoltà degli alunni consolidandone le capacità e promuovendone i punti di forza, e creando opportunità di collaborazione con la classe.

Nel volume sono analizzati i bisogni e le difficoltà che si riscontrano negli alunni e nelle alunne della fascia di età della scuola primaria, ma che possono essere osservati, con i dovuti adattamenti, anche negli studenti della scuola secondaria di primo grado.
News
A Peccioli un convegno sui PDTA nelle malattie neuromuscolari in Toscana
14-04-2024 14:57 - News
Giornata per le Malattie Neuromuscolari: verrà celebrata il 13 aprile con eventi in 19 città italiane
14-04-2024 14:49 - News
Vita Indipendente: incontro tra la Regione Toscana e le persone con disabilità
14-04-2024 14:45 - News
InformAbility per le mamme con disabilità
14-04-2024 14:44 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie