12 Aprile 2024
visibility
News
percorso: Home > News > News

Centri estivi e disabilità: le norme, le criticità e come tutelarsi

22-07-2023 15:03 - News
Alcuni bambini e bambine ritratti di spalle, in uno spazio aperto presso un centro estivo.
Cosa sono i centri estivi, chi li gestisce, quali sono le linee guida di tali strutture in tema di disabilità, con tutte le possibili criticità in tal senso, dall’esclusione di bambini/bambine e ragazzi/ragazze con disabilità, alla richiesta di pagamento di costi superiori, dalla frequenza ridotta, alla richiesta di pagare l’educatore/assistente in più per il figlio/figlia; il tutto con alcune indicazioni su come eventualmente tutelarsi. Sono questi i temi di un approfondimento prodotto dal Centro Studi Giuridici HandyLex di cui suggeriamo senz’altro la consultazione.*

«È tempo di vacanze, e con la chiusura delle scuole per le famiglie arriva il momento di organizzarsi con la gestione dei figli mentre i genitori continuano a lavorare. Ecco dunque che, accanto allo smart working e al sostegno di nonni e famiglia, entrano in gioco strumenti quali le summer school, i campi studio e – soprattutto per i più piccoli – i centri estivi. L’utilizzo di questi ultimi in particolare è diventato negli ultimi anni una delle soluzioni più gettonate, ma cosa dire per le famiglie di bambini/e con disabilità? Facciamo un po’ di ordine cercando di capire cosa ci dice la normativa e come poterci tutelare»: viene introdotto così un ampio e utile approfondimento prodotto dal Centro Studi Giuridici HandyLex della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) di cui suggeriamo senz’altro la consultazione (a questo link).

Dopo una parte generale in cui si spiega cosa siano esattamente i centri estivi, chi li gestisca e quali siano le linee guida di tali strutture in tema di disabilità, vengono elencate nell’approfondimento tutte le possibili criticità, dall’esclusione di bambini/bambine e ragazzi/ragazze con disabilità, alla richiesta di pagamento di costi superiori, dalla frequenza ridotta alla richiesta di pagare l’educatore/assistente in più per il figlio/figlia, fornendo poi alcune indicazioni su come tutelarsi.

Da segnalare anche il paragrafo conclusivo, sul tema Bonus centri estivi 2023, ove si scrive: «Non è escluso che gli Enti locali, Comuni e Regioni abbiano messo a disposizione delle famiglie dei contributi appositamente per la frequenza dei centri estivi, di cui alcuni riservati a bambini e ragazzi con disabilità; consigliamo quindi di dare un’occhiata ai siti ufficiali del proprio Comune o Regione per saperne di più». (Stefano Borgato)

Ricordiamo ancora il link al quale è disponibile l’approfondimento del Centro Studi Giuridici HandyLex di cui si parla nella presente nota.

* Il presente contributo è già stato pubblicato su «Superando.it», il portale promosso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), e viene qui ripreso, con lievi adattamenti al diverso contesto, per gentile concessione.
News
Corso di Alta Formazione “Trasformare i conflitti, convivere nelle diversità”
06-04-2024 14:34 - News
Per parlare della “vicenda di Imperia” è necessario nominare la segregazione, l’istituzionalizzazione e la violenza sistemica
06-04-2024 14:31 - News
La tripla invisibilità delle donne anziane con disabilità
06-04-2024 14:29 - News
“@scATTIdicura”, una bella campagna per promuovere una nuova idea di caregiving
06-04-2024 14:27 - News
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie