27 Maggio 2019
[]

News
percorso: Home > News > News

Solo l’ISEE deve servire a calcolare la capacità contributiva

05-01-2019 14:52 - News
«Questa Sentenza è molto importante, perché afferma come la
compartecipazione di una persona con disabilità al costo di un servizio
socio-sanitario di cui beneficia vada determinata in funzione e in
proporzione alla sua condizione economica»: a dirlo è Gaetano De Luca,
legale della Federazione LEDHA, commentando una recente Sentenza con cui
il Consiglio di Stato, dando ragione ai genitori di una persona con
grave disabilità, ha stabilito che l’unico modo per calcolare la
condizione economica del beneficiario di un servizio sia l’ISEE, senza
la possibilità di utilizzare criteri ulteriori

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è l’unico
«strumento di calcolo della capacità contributiva dei privati» che
possa essere utilizzato per scandire le condizioni e la proporzione di accesso alle prestazioni agevolate. Dal canto loro, i Comuni non possono «creare criteri avulsi all’ISEE con valenza derogatoria ovvero finanche sostitutiva».

Lo ha stabilito il Consiglio di Stato con una Sentenza prodotta il 13 novembre scorso (n. 6371), accogliendo il ricorso di due genitori che avevano agito in giudizio in qualità di amministratori di sostegno del figlio.


La vicenda – come viene spiegato dalla LEDHA, la
Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, che costituisce la
componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento
dell’Handicap) – riguardava una persona con grave disabilità
inserita presso il CDD (Centro Diurno per Disabili) di un Comune in
provincia di Brescia. Nel 2016 l’Amministrazione Comunale aveva
pubblicato una Delibera con cui stabilire le quote per la
compartecipazione al costo dei servizi presso le strutture di
accoglienza per le persone con disabilità. Nel testo del provvedimento
si stabiliva – anche di fronte ad un ISEE dei beneficiari dei servizi
pari a zero – una quota di compartecipazione a carico degli utenti pari al 30% del costo del servizio, per i percettori di pensione di invalidità e indennità di accompagnamento, e del 5%
per i percettori della sola pensione di invalidità. Il responsabile dei
Servizi Sociali di quel Comune aveva quindi definito una percentuale di
contribuzione per la frequenza al servizio CDD pari a 2.661,30 euro annui.

Di fronte a tale situazione, i genitori della persona con disabilità –
in qualità di amministratori di sostegno – avevano deciso di rivolgersi
al TAR di Brescia (Tribunale Amministrativo Regionale)
che però ne aveva respinto il ricorso nell’agosto 2017. Impegnata quella
decisione di fronte al Consiglio di Stato, quest’ultimo, come detto, ha
dato ragione ai ricorrenti e sanzionato il Comune.


«È di tutta evidenza – si scrive nella Sentenza – come si ponga in contrasto con la disciplina di riferimento […] l’opzione
di una contribuzione fissa, totalmente svincolata dal parametro
vincolante dell’indicatore ISEE». Inoltre, il comportamento
dell’Amministrazione Comunale assegna «un improprio e discriminante
rilievo alla percezione di emolumenti (pensione di invalidità) che
avrebbero dovuto essere considerati normativamente “protetti” e, dunque,
con valenza neutra tanto ai fini dell’ISEE che, in via consequenziale,
nella definizione della capacità contributiva degli utenti».

«Nel caso di specie – concludono i Giudici del Consiglio di Stato -, e
in mancanza di allegazioni ulteriori e integrativi criteri approvati da
Regione Lombardia, l’ISEE resta, dunque, l’indefettibile strumento di
calcolo della capacità contributiva dei privati e deve scandire le
condizioni e la proporzione di accesso alle prestazioni agevolate, non
essendo consentita la pretesa del Comune di creare criteri avulsi
all’ISEE con valenza derogatoria ovvero finanche sostitutiva
[grassetto nostro, N.d.R.]».


«Questa Sentenza è molto importante – commenta Gaetano De Luca, legale del Centro Antidiscriminazione Franco Bomprezzi
della LEDHA – in quanto afferma come la compartecipazione di una
persona con disabilità al costo di un servizio socio-sanitario di cui
beneficia, vada determinata in funzione e in proporzione alla sua condizione economica.
E in tal senso, il Consiglio di Stato ci ricorda come l’unico modo per
calcolare tale condizione economica di un beneficiario di un servizio
sia unicamente l’ISEE, senza la possibilità di utilizzare criteri
ulteriori». (S.B.)

News

Un seminario per parlare del Dopo di Noi, di autonomia e disabilità

09-04-2019 15:32 - News

I Ragazzi del Sole: insieme con umanità e fantasia

09-04-2019 15:24 - News

Durante e dopo di noi "Insieme per fare da soli"

07-04-2019 16:04 - News

La costruzione del progetto di vita della persona disabile

05-04-2019 15:06 - News
[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio