18 Novembre 2017
[]

percorso: Home

Piattaforma programmatica

LA STORIA DI COME E' INIZIATO IL PERCORSO DEL COORDINAMENTO DIPOI
Partendo da una ricerca promossa da Cesvot nel 2011 sulle esperienze e buone prassi relative al mondo della disabilit e in particolare al “Durante e Dopo di noi”, si avviato un percorso di ascolto e confronto tra le associazioni coinvolte dalla ricerca, a cui poi se ne sono aggiunte successivamente altre.
Questo percorso ha fatto emergere la volont dei partecipanti/soggetti coinvolti di dar vita ad un Coordinamento che si occupasse specificatamente del tema Durante e Dopo di Noi.
Attraverso una serie di incontri e di lavori in gruppo, le associazioni sono arrivate ad individuare prima e condividere poi, una serie di contenuti e di tematiche di cui il Coordinamento si doveva occupare nei mesi seguenti.
Nell'incontro del 21 giugno 2012, le Organizzazioni del “Durante e Dopo di Noi”, riunitesi presso la sede regionale del Cesvot a Firenze avevano stabilito di avviare una “fase costituente” del Coordinamento della durata di un anno.
Questa fase prevedeva 4 step:
Adesione delle associazioni al documento programmatico (entro luglio 2012)
Elezione di un Coordinamento temporaneo (entro la prima met di ottobre 2012)
Insediamento e avvio attivit (entro la fine di ottobre 2012)
Scioglimento del coordinamento temporaneo allo scadere dell'anno e convocazione della prima assemblea costituente del Coordinamento (entro la fine di ottobre 2013)

Il documento programmatico al quale hanno aderito molte associazioni rappresenta la sintesi dei contenuti emersi dai lavori dei gruppi e validati nell'incontro plenario del 21 giugno 2012.
Nello specifico i gruppi avevano individuato come oggetto di lavoro/interesse del Coordinamento le seguenti questioni:
La capacit di operare verso le Pubbliche Amministrazioni competenti, e in particolare la Regione, per modificare, aggiornare e migliorare, a favore dei soggetti disabili e delle loro famiglie, il riconoscimento dei loro diritti e l'efficacia e l'omogeneizzazione del sistema dei servizi pubblici e privati.
La conoscenza reciproca e la messa in comune di risorse, siano esse umane, progettuali e professionali oltre che di conoscenze e rapporti fra tutte le organizzazioni, le famiglie, i singoli che operano a favore dei soggetti disabili e in particolare sulle condizioni di autonomia degli stessi dentro e fuori il nucleo familiare.
La promozione di una nuova cultura della disabilit anche attraverso la partecipazione alla programmazione e all'erogazione dei servizi pubblici.
Il supporto, la diffusione, l'efficacia dei percorsi di inserimento lavorativo dei soggetti disabili.
L'accreditamento, da parte delle Istituzioni preposte, delle strutture e dei servizi del “Durante e Dopo di noi”
La verifica della concreta applicazione dei LEA a beneficio dei soggetti disabili al fine anche di contribuire alla futura definizione dei LIVEAS
L'approfondimento e la diffusione di esperienze e modelli operativi per la gestione dei servizi del “Durante e Dopo di noi”
La valutazione di efficacia ed efficienza dei progetti, e in particolare di quelli sperimentali, anche al fine di rafforzare l'integrazione fra pubblico e privato.
Sviluppare nuove azioni nell'ambito delle Istituzioni scolastiche a favore degli alunni disabili in un nuovo contesto di rapporti fra scuola, docenti e famiglie.
La redazione delle regole definitive di funzionamento del Coordinamento stesso e della forma giuridica che esso dovr assumere.

Nel medesimo incontro del 21 giugno le Organizzazioni avevano stabilito che il Coordinamento temporaneo che veniva eletto dalle organizzazioni che avevano aderito al documento programmatico, doveva essere costituito da un quarto del totale delle Organizzazioni Aderenti.

IL COORDINAMENTO TEMPORANEO, ATTRAVERSO I SUOI COMPONENTI DEL DIRETTIVO, DOPO AVER INCONTRATO I PRINCIPALI ORGANI ISTITUZIONALI DELLA REGIONE PER PRESENTARE I TEMI E GLI ARGOMENTI DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO HA COMPLETATO LA REDAZIONE DELLE REGOLE E DELLA FORMA GIURIDICA DEL COORDINAMENTO STESSO

IL 30 NOVEMBRE DEL 2013 SI E' COSTITUITO IN ASSOCIAZIONE REGIONALE DI 2^ LIVELLO : ASSOCIAZIONE "DIPOI"

News

«Valutare il bisogno della persona con disabilità. Dall´ICF a Matrici ecologiche e dei sostegni»

07-11-2017 15:48 - News
[ continua ]

Il Dopo di Noi in Toscana: Pronti, via...... si parte!

07-11-2017 15:46 - News
[ continua ]

VALUTARE IL BISOGNO DELLA PERSONA CON DISABILITA´:DALL´ICF ALLE MATRICI ECOLOGICHE

07-11-2017 15:41 - News
[ continua ]

Gli strumenti per accompagnare il «Dopo di Noi»

07-11-2017 15:38 - News
[ continua ]
[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]